Lettera

Grazie Cristina. Dalle amiche di Me.dea

Un ricordo speciale di una amica che si è sempre battuta per le donne

Cristina Pesce

Cristina Pesce si è spenta 10 giorni fa, dopo una battaglia contro la malattia, condotta con dignità e forza. E con serenità, che ha trasmesso alle persone vicine a lei. Le amiche di Me.dea, a cui i familiari hanno chiesto a chi vuole ricordarla, di fare offerte (e all'associazione Fulvio Minetti), hanno scritto un saluto, ricordando il grande impegno, con iniziative per sostenere il centro antiviolenza. E hanno dedicato a lei anche lo sciopero dell'8 Marzo.

Questo il testo della lettera

Ciao Cristina,
te ne sei andata con delicatezza e con quell’eleganza che ha segnato tutta la tua vita. Alle persone che erano al tuo fianco in quelle ore, hai detto di non preoccuparsi, perché te ne andavi serena.
Eppure la vita con te, spesso, non è stata affatto gentile.
Ne avresti avuti di motivi validi per arrabbiarti e urlare, invece, hai sempre mantenuto un garbo e un altruismo fuori dal comune.
E hai combattuto, carica com’eri di quella determinazione che lasciavi affiorare solo con le persone davvero vicine.

Amavi i viaggi e spesso partivi anche da sola, perché la solitudine non ti faceva paura.
Ti appassionavano l’arte e la moda, quante mostre hai visitato con l’inseparabile amica Mimma.
E ti entusiasmavano le battaglie civili e per i diritti delle donne. Non sarà stata casuale la scelta dello pseudonimo “Eva Kant” sui tuoi profili social, esempio di eroina forte e “complice”.
Sei stata tra le prime a sostenere il progetto di un Centro Antiviolenza in città e quando me.dea è nata hai iniziato a sostenerla, con gli strumenti che ti appartenevano di più: l’organizzazione di eventi pubblici, in particolare sfilate di moda, le “Grazie” d’estate e d’inverno, momenti “leggeri” in cui riuscivi a offrire preziose occasioni di riflessione su un tema così doloroso e così trasversale, come la violenza contro le donne.
In fondo era un po’ questo il tuo stile: non prendersi troppo sul serio, ma fare sempre le cose bene e con il sorriso.
Ci mancherà quel volto sorridente, sotto una cascata di capelli irriverenti, ma resterà impresso nei nostri cuori insieme alla tua gentilezza, di cui faremo tesoro nelle sfide della vita, alla tua sete di cultura, monito a migliorarci sempre e apprendere cose nuove, e al tuo grande affetto per me.dea, dimostrato fino all’ultimo.
Grazie di tutto Cri.
Buon viaggio.

Le amiche di me.dea

LE ULTIME NOTIZIE
Medico ucciso, il collega assassino mosso da un esasperato rancore

Un momento della conferenza stampa al Comando Provinciale. Sullo schermo Massimiliano Ammenti

Medico ucciso, il collega  mosso da rancore

23 Giugno 2017 alle 13:44

Quando i carabinieri sono entrati, in forze, nella sua abitazione a cinquanta metri dall'ospedale ...

Alessandria spareggio

E' il momento della festa: l'Alessandria ha battuto il Brescia, 2-1, e torna in serie A

Calcio - Grigi

Sessant'anni fa la serie A: una città in delirio

23 Giugno 2017 alle 16:50

Chi l'ha detto che l'Alessandria non sa vincere gli spareggi. Li sa vincere, eccome. Sessant'anni ...

I VIDEO

nome_sezione

WEB EDICOLA

sfoglia

abbonati