Lunedì 19 Febbraio 2018

Morti da chiarire: per la Fraschetta un altro mistero

“Stati morbosi mal definiti”: l’assessore all’Ambiente chiede un incontro all’Asl per comprenderne le cause

Morti da chiarire: per la Fraschetta un altro mistero

La Fraschetta, evidenziata in rosso, è tra le zone del Piemonte dove si registra un alto numero di casi di linfoma non hodgkin

Il programma di studi epidemiologici, avviato nel 2015 nell’area della Fraschetta riguardante il periodo compreso tra il 1996 e il 2014, ha fatto emergere un primo dato importante: una tra le prime cause di morte è da ricondursi a stati morbosi maldefiniti. Ma cosa significa? Che il medico non riconosce perché è avvenuto il decesso.
In sostanza, la scheda non contiene un’anamnesi del paziente tale da definire le cause che che hanno portato alla morte. Perché i medici non entrano nello specifico?
Su questa dicitura, dal significato per noi incomprensibile, abbiamo interpellato l’assessore all’ambiente, Claudio Lombardi, che si è battuto affinché l’indagine in questione spiccasse il volo e diventasse un punto fermo per monitorare e migliorare la qualità dell’ambiente della Fraschetta. Il programma di studi epidemiologici, avviato nel 2015 nell’area della Fraschetta riguardante il periodo compreso tra il 1996 e il 2014, ha fatto emergere un primo dato importante: una tra le prime cause di morte è da ricondursi a stati morbosi maldefiniti. Ma cosa significa? Che il medico non riconosce perché è avvenuto il decesso. E l'assessore Lombardi chiede un incontro con gli esperti che hanno redatto le schede. La notizia completa sul giornale in edicola oggi.

LE ULTIME NOTIZIE
Alessandria Moccagatta

In fila già prima delle 10, i tifosi hanno vissuto un compleanno speciale al Moccagatta

l'evento

Il compleanno nel 'Mocca': invasione di tifosi

18 Febbraio 2018 alle 13:17

Sono arrivati ben prima delle 10, in fila per il viaggio speciale dentro il Moccagatta. Un ...

I VIDEO

nome_sezione

APPUNTAMENTI

WEB EDICOLA

sfoglia

abbonati