Martedì 26 Marzo 2019

Rifiuti

Si sbloccano i capannoni, Aral ora può respirare

Si sbloccano i capannoni, Aral ora può respirare

Il sito di Castelceriolo

Sarà una giornata decisiva, quella di oggi, per il futuro di Aral: se non interverranno problemi e intoppi dell’ultim’ora - peraltro, almeno al momento in cui scriviamo, non pronosticabili - sarà raggiunto un accordo per indirizzare le 3.500 tonnellate di Fos (la frazione organica stabilizzata dei rifiuti) contenute nei due capannoni di Castelceriolo e bloccate da settimane all’impianto Gaia - Gestione ambientale integrata dell’Astigiano di Asti.
A confermarlo, è l’assessore all’Ambiente del Comune di Alessandria, Paolo Borasio, che nella mattinata di ieri ha partecipato a un incontro in prefettura che ha visto seduti, allo stesso tavolo, oltre ai ‘padroni di casa’ dell’Ufficio del governo, quasi tutti i soggetti interessati, a cominciare da Arpa, Provincia, Srt e dalle amministrazioni di Novi Ligure e Tortona.

Sul 'Piccolo' in edicola tutti gli approfondimenti.

LE ULTIME NOTIZIE
Baby gang identificataRecuperata la refurtiva

Questa immagine - proiettata ieri in conferenza stampa - è una delle prove che gli inquirenti hanno utilizzato per individuare i componenti della babygang

Sicurezza

Baby gang identificata
Recuperata la refurtiva

26 Marzo 2019 alle 07:58

Identificata la baby gang. Un lavoro silenzioso, ma incisivo. L’affondo arriva due settimane dopo ...

I VIDEO

nome_sezione

WEB EDICOLA

sfoglia

abbonati