Venerdì 27 Aprile 2018

L'analisi

L’agricoltura? Uno dei motori trainanti del Casalese

L’agricoltura? Uno dei motori trainanti del Casalese

L’agricoltura nel Casalese ha ancora un peso, certo non determinante come nel passato, ma comunque tale da fare muovere un discreto numero di persone per confrontarsi nell’assemblea di zona di un’organizzazione professionale. È accaduto venerdì, all’agriturismo Cascina Bottazza per la riunione di Confagricoltura che si è tenuta nell’ambito degli incontri zonali. Molti sono stati gli associati a confrontarsi con il presidente provinciale Luca Brondelli (che appartiene all’area del Casalese, in quanto la sua azienda è in territorio del Comune di Serralunga di Crea), il presidente di zona Giacomo Pedrola, il direttore provinciale Valter Parodi e il direttore di zona Giovanni Passioni.

Ed è stato Pedrola che, dopo aver fatto un accenno all’annata agraria positiva sia per il comparto vinicolo che per quello risicolo (nel casalese è sviluppato soprattutto nell’Oltrepo ed è comunque il principale per fatturato), ha evidenziato, però, una preoccupazione forte perché i problemi degli agricoltori, e non solo nella zona di Casale, sembrano essere da tempo gli stessi, ovvero la burocrazia pressante, da un lato, ed i ritardi nei pagamenti dall’altro

LE ULTIME NOTIZIE

I VIDEO

nome_sezione

APPUNTAMENTI

WEB EDICOLA

sfoglia

abbonati