Venerdì 22 Marzo 2019

Nell'acquese

14 anni, dopo i videogame ruba telefonini e portafogli

Individuato e deferito dai Carabinieri un giovane di origine marocchina

Carabinieri

I Carabinieri di Rivalta e Spigno hanno identificato un giovane marocchino autore di alcuni furtin

Negli ultimi mesi aveva già compiuto alcuni furti ad Acqui, anche in un noto negozio di videogame, ed era stato identificato. Ma questo non sembra aver scoraggiato un giovane, 14 anni, di origini marocchine, che i Carabinieri di Rivalta Bormida e di Spigno hanno riconosciuto responsabile di altri due furti. Nel primo caso si è impossessato di un telefono cellulare di ultima generazione, sottratto ad un ragazzo di 17 anni. Anche attraverso i tabulati telefonici, i Carabinieri di Rivalta sono risaliti sia al 14enne marocchino, che lo aveva utilizzato per qualche giorno, sia ad un 18enne acquese, noto alle forze dell'ordine, deferito, in stato di libertà, con l'accusa di ricettazione. Il ragazzo marocchino è stato anche identificato, e deferito, per il furto con strappo del portafoglio ad una ragazza, alla stazione dei pullman di Acqui. Indagini svolte dai militari della stazione di Spigno, con i sistemi di videosorveglianza, e riconoscimento da parte della vittima.

LE ULTIME NOTIZIE
Domenica lo show per 'Il girasole'

Max Corfini

Valenza

Domenica lo show
per 'Il girasole'

22 Marzo 2019 alle 10:59

‘Uno spettacolo per un fiore’ è il titolo dell’appuntamento promosso dal Lions Club Adamas e dal ...

Tra Vasari e Gardella sboccia la primavera Fai

Il restaurato ‘Martirio di san Pietro da Verona’ di Giorgio Vasari

Cultura

Tra Vasari e Gardella
sboccia la Primavera Fai

22 Marzo 2019 alle 07:56

Un weekend alla scoperta dei tesori d’arte della provincia. Le Giornate Fai di Primavera sono una ...

Schianto, muore donna grave la nipotina

I soccorritori sul posto dello schianto (foto Gas)

Castelceriolo

Schianto: muore donna,
grave la nipotina

21 Marzo 2019 alle 15:34

Un impatto forse lieve, poi l'auto si capotta nel fosso. Le conseguenze sono drammatiche. Una donna ...

I VIDEO

nome_sezione

WEB EDICOLA

sfoglia

abbonati