Sabato 25 Maggio 2019

Medico sportivo accusato di truffa: patteggia

'Rilascò certificati di idoneità fisica senza versare all'Asl la cifra dovuta'. Fu sostituito

Medico sportivo accusato di truffa: patteggia

Aveva firmato e rilasciato il certificato obbligatorio di idoneità fisica a molti atleti alessandrini. Era infatti il responsabile del servizio di Medicina Sportiva dell'Asl, attività che lo vedeva sia ad Acqui che a Tortona. Secondo l'accusa raggirò l'azienda sanitaria non avendo destinato all'ente le quote dovute. Per l'accusa, dunque, il dottor Paolo Tabano, 63 anni, era responsabile di peculato, truffa, abuso d'ufficio e falso ideologico. Il medico ha patteggiato un anno e otto mesi di reclusione, con i benefici di legge. La scelta del patteggiamento è dettata, come spiega l'avvocato Piero Monti, dalla volontà di chiudere il caso in tempi brevi evitando di affrontare un lungo processo. Il dottor Tabano non si considera responsabile delle accuse mosse dal pubblico ministero Giancarlo Vona. Qualche svista ci sarebbe stata, <ma sicuramente non sistematica o intenzionale>. Quando emersero le irregolarità il medico fu sostituito e trasferito al servizio di Medicina Legale.

LE ULTIME NOTIZIE

I VIDEO

nome_sezione

WEB EDICOLA

sfoglia

abbonati