Mercoledì 18 Settembre 2019

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

Questura

Operazione 'Coyote', 12 denunciati. Ricercato un albanese

Rapine, furti, detenzione di stupefacenti, favoreggiamento della prostituzione

Questura di Alessandria

Operazione 'Coyote' per l'abilità degli indagati di sfuggire ai controlli anche in maniera rocambolesca, con inseguimenti in auto e a piedi. Ma la Squadra Mobile della Questura di Alessandria, dopo una attività di indagine coordinata dalla Procura della Repubblica, ha denunciato 12 persone, italiane e straniere, responsabili, a vario titolo, di una rapina aggravata, di detenzione  e spaccio di cocaina, di detenzione e porto illegale di armi da fuoco, ricettazione e favoreggiamento della prostituzione. Una indagine avviata dopo furti, di notte, in alcuni centri della provincia. E, anche, di una rapina ai danni della titolare di una merceria nel centro di Alessandria, il 30 maggio 2016, quando alla signora era stata sottratta, con la forza, una collana in oro. Molte le abitazioni 'visitate' da alcuni dei denunciati, tra febbraio e maggio 2016, a Valenza, Gamalero, Acqui, Ovada, Trisobbio e Morbello. Sulla base degli elementi acquisiti dagli agenti che hanno svolto le indagini, il Gip del Tribunale di Alessandria ha emesso una ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di un cittadino italiano di 23 anni, per favoreggiamento della prostituzione, e di Viktor Markja, albanese, che risulta irreperibile sul territorio italiano, accusato di molti furti in abitazioni e in negozi e di detenzione abusiva di armi da fuoco, sottratte nelle case. Gli agenti della Squadra Mobile hanno anche recuperato, e restituito ai legittimi proprietari, alcune macchine rubate, e gioielli, orologi, dipinti di pregio, computer e telefoni cellulari

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Alessandria

Muore a 18 anni: dona cuore,
fegato e reni

14 Settembre 2019 ore 20:00
Spinetta

Bellavita:
bimbo bloccato
da bocchetta della piscina

10 Settembre 2019 ore 07:46
.