Sabato 20 Luglio 2019

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

La testimonianza

Storia di Abdul: l’accoglienza si fa (anche) in casa

La famiglia Petri ospita per un anno un richiedente asilo

Storia di Abdul: l’accoglienza si fa (anche) in casa

ALESSANDRIA - Maria Carla è la prima alessandrina (e finora l’unica) ad aver aderito al progetto Refugees Welcome.

Per un periodo di 12 mesi (tra il 2016 e il 2017) ha ospitato nella sua abitazione, al quartiere Cristo, Abdul Karim Moussa, un giovane richiedente asilo del Niger giunto in Italia su un barcone un anno prima. «Sono passati quasi due anni, ma continuiamo a sentirci ogni tanto. Ora lavora al CentoGrigio come tuttofare. Pian piano si sta inserendo, mi fa molto piacere».

A casa della famiglia Petri, Abu non è arrivato per caso. «Lo conoscevo già da qualche mese - spiega Maria Carla - perché aveva svolto un tirocinio nella nostra azienda agricola prendendo parte a uno dei progetti formativi dell’associazione Cambalache per richiedenti asilo e rifugiati».

Abu è un gran lavoratore, «volenteroso ed educato». Il problema, però, è che non spiccica una parola di italiano.  

Su 'Il Piccolo' oggi in edicola l'intervista completa.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Ovada

Guido: un simbolo di Ovada se ne va

10 Luglio 2019 ore 08:57
Il caso

La chiusura
del ristorante im...

16 Luglio 2019 ore 09:06
.