Via Volturno: auto piomba sulle auto in sosta, sfiorata la tragedia

Alla guida un albanese ubriaco. Il racconto dell'uomo che col nipotino si è salvato solo per una manciata di secondi

Venerdì mattina, via Volturno, Alessandria. Una Peugeot 307 accelera, sbanda, procede a zig-zag, colpisce le auto in sosta. Qualcuna la 'sfregia', ad altre saltano gli specchietti. Poi l'impatto, violento, contro una Dacia Duster, parcheggiata poco prima di una vetrina, su cui un uomo sta caricando alcune scatole. La Duster finisce contro la vetrata e la infrange. Sulla Peugeot rimane l'albanese di 30 anni che abita ad Alessandria. E' ancora stordito. Viene aiutato a scendere dall'auto intanto arrivano gli agenti della Polizia Municipale. Il 30enne viene condotto al comando, è in evidente stato confusionale dovuto all'abuso di alcolici. Il passo successivo sarà la denuncia e il ritiro della patente. In via Volturno, intanto, si contano i danni. Parecchi. Vengono avvertiti i proprietari delle vetture danneggiate, la vetrata viene messa in sicurezza, e il proprietario della Dacia Duster, Claudio Casara, fa i conti con un destino che, macchina a parte, gli ha davvero sorriso. <Sono andato da mia figlia (titolare di una impresa a pochi metri dal luogo dell'incidente, ndr) a prendere il mio nipotino - racconta Casara il giorno dopo il fatto -. Siamo usciti dal negozio per tornare all'auto quando mi sono reso improvvisamente conto che avevo dimenticato una cosa in negozio. Così, mano nella mano con mio nipote, siamo tornati indietro. Pochi passi, solo il tempo di girare l'angolo e ho sentito il tremendo rumore. Subito non mi sono nemmeno reso conto. Poi ho visto la mia auto contro la vetrina, e l'altra da cui usciva del fumo. Siamo subito corsi temendo che la Peugeot stesse per prendere fuoco e abbiamo aiutato l'automobilista a scendere dall'abitacolo. Il fumo era dovuto al fatto che erano scoppiati entrambi gli airbag. Poi abbiamo avvertito le forze dell'ordine. La scorsa notte non ho dormito pensando a quello che sarebbe potuto accadere se non mi fossi scordato, proprio mentre ero già vicino alla macchina, di quel pacco. Io e mio nipote saremmo stati investiti in pieno>. Le indagini della municipale sono ancora in corso.  

LE ULTIME NOTIZIE
Medico ucciso, il collega assassino mosso da un esasperato rancore

Un momento della conferenza stampa al Comando Provinciale. Sullo schermo Massimiliano Ammenti

Medico ucciso, il collega  mosso da rancore

23 Giugno 2017 alle 13:44

Quando i carabinieri sono entrati, in forze, nella sua abitazione a cinquanta metri dall'ospedale ...

Alessandria spareggio

E' il momento della festa: l'Alessandria ha battuto il Brescia, 2-1, e torna in serie A

Calcio - Grigi

Sessant'anni fa la serie A: una città in delirio

23 Giugno 2017 alle 16:50

Chi l'ha detto che l'Alessandria non sa vincere gli spareggi. Li sa vincere, eccome. Sessant'anni ...

I VIDEO

nome_sezione

WEB EDICOLA

sfoglia

abbonati