Giovedì 26 Aprile 2018

Calcio - Grigi

La lacrime tenute dentro da mesi. Per la conquista di tutti

Il miglior copione possibile per l'ultima volta dei parterre. Ora l'esodo a Firenze

Adesso possiamo piangere. Piangere non è da deboli, piangere è da persione forti, che soffrono più di tutti. Piangere è bello e non ha età. Quelle lacrime liberatorie che ci siamo tenuti dentro per settimane. Almeno da Viterbo, ma anche prima: dalla sciagurata gara a Como, squadra che rischia di uscire dal calcio per le vicende societarie, e poi Cremona, e poi Siena, e poi Viterbo, e poi Tivoli. Lacrime amarissime, di quelle che scavano dentro, perché non possono venire fuori. La gara di andata a Lecce ha detto a tutti che l'Alessandria poteva farcela e che il pareggio, là allo stadio di 'Via del Mare' era pure stretto. Il primo tempo, oggi, ha messo di nuovo un po' di paura: Lecce aggressivo, pericoloso, Lecce che scappa sulle fasce e Grigi che corti non riescono a essere, che perdono troppe seconde palle, che devono contenere e mettono il primo cross vero dopo 42 minuti. Pure fatto bene, e Cosenza rischia anche l'autogol per salvarsi in angolo, ma comunque dopo 42 minuti. Invece, la ripresa è migliore, Mezavilla tiene la squadra più alta, l'ingresso di Sestu dà più fantasia e più pericolosità. Ma non basta e Vannucchi fa gli straordianri, ma nel conto delle conclusioni in porta, nei 90 il Lecce è a 10 e i Grigi a 4. Però sono ben dentro la gara e quando fanno fatica la gente del Mocca li spinge. Suppplementari: nel primo l'unica opportunità è per Marras. nel secondo, a meno di 120 secondi dalla fine, la traverso di Mancosu gela il Moccagatta per una frazione di secondo. Ma oggi è un giorno speciale, che deve andare alla storia. Un giorno da cerchiare in rosso. Per tutti: per la gente dei Parterre, con una tshirt speciale. '2016 - 2017. Ist'ani e pò pù', per la Nord che se il pubblico di Lecce è da serie A (come sostiene il presidente dei salentini), questo è da Champions come  minimo. Per tutto il Moccagatta che è una bolgia. Rigori, allora: sbaglia Costa Ferreira e quando calcia alle stelle già si intravede, in lontananza, il Duomo di Firenze. Poi tutti a bersaglio e quando Sestu va sul dischetto si pensa che ci siamo, si può iniziare a festeggiare. Invece, non saremmo Grigi se non dovessimo prolungare la sofferenza e l'attesa: 4-4. Si va a oltranza. Per fortuna breve, perché il cuore incomincia a dare strani segnali: Ciancio, l'ex che poi va ad applaudire la Nord, calcia sul palo e il pallone torna in campo. Poi va Niccco: palo anche lui, ma palla dentro. Adesso possiamo piangere, adesso possiamo cantare, adesso possiamo dire: "Andiamo a Firenze". Insieme a Reggiana, parma e Pordenone, il trionfo del calcio del Centro Nord. "Andiamo a Firenze"  Che, per noi, è un po' come 'andiamo a Berlino'. Perché vogliamo lo stesso epilogo. Perché vogliamo piangere ancora. Lacrime di gioia

LE ULTIME NOTIZIE
Alessandria Viterbese

Il Moccagatta impazzosce di gioia. L'Alessandria vince la Coppa Italia

Coppa Italia

Alza la Coppa, Alessandria.
Perché è tua

25 Aprile 2018 alle 16:46

Alessandria - Viterbese 3-1 Marcatori: pt 11' Di Paolantonio; st 13' Marconi rig 16' Marconi, 34' ...

I VIDEO

nome_sezione

APPUNTAMENTI

WEB EDICOLA

sfoglia

abbonati