Giovedì 19 Luglio 2018

Calcio - Grigi

'Quando i Grigi chiamano, neppure un secondo di esitazione: un 'sì' convinto'

Giacomo Sciacca ha appena concluso la prima giornata di allenamenti in ritiro a Bardonecchia

Alessandria Sciacca

Terza stagione in serie C per Giacomo Sciacca

Al Moccagatta Giacomo Sciacca ha già vinto un torneo, nel 2014, con la maglia della Primvera dell'Inter. "Come si fa a non ricordare lo stadio dove la finale era finita 6-0 contro il Milan", commenta il giovane difensore che l'Alessandria ha acquistato ieri, a titolo definitivo, e che ha firmato un triennale. "Quando una società come l'Alessandria ti chiama, dimostrando di essere interessato a te, non c'è neppure un attimo da perdere. Come ho fatto io: ho detto subito sì, molto convinto, e lo sono ancora di più dopo il primo giorno di lavoro in ritiro, a Bardonecchia. Qui c'è proprio tutto: una società solidissima, un grande gruppo, c'è la storia e ci sono i progetti per andare lontano. Io sono ambizioso e sono anche consapevole della grande opportunità che ho: per me questa può essere la svolta verso l'alto. Anzi, deve esserlo". Un lungo percorso nelle giovanili dell'Inter. "Dodici anni, per me è stata la seconda casa e la seconda famiglia. Ho iniziato nei pulcini fino alla Primavera: molti allenatori e istruttori, i dirigenti, i compagni, da tutti ha avuto qualcosa di importante. Non solo sul piano tecnico: insegnano a stare in campo, a rispettare le regole, e tenere un certo comportamento, ad affrontare la vita sempre a testa alta, per se stessi e per gli altri". Una eredità per una carrieta che Sciacca si augura molto lunga. Per lui è appena iniziata la terza stagione in C, piazze tutte molte diverse tra loto. "A Renate, il primo anno, una società impegnata a tenere la categoria. A Piacenza, l'anno scorso, gli obiettivi si sono alzati e siamo arrivati a giocare i playoff. Alessandria è la vetta di questo percorso: con i Grigi voglio crescere ancora". Di categoria, certo, ma anche tecnicamente. "Io nasco centrale di difesa, poi c'è stata una evoluzione e, gradatamente, sono diventato terzino destro, che adesso è il ruolo che interpreto di più e meglio. Non sono uno di spinta, ma adesso in quella zona del campo mi sento molto a mio agio e non mi limito alal marcatura. Mi propongo anche io, per suggerire". Sarà in campo al debutto domenica, insieme a Casasola. Sul nome di Perez (Ascol)  un no convinto dal ds Sensibile e dal suo staff

LE ULTIME NOTIZIE
Cade dal balcone, grave 11enne

Tortona

Cade dal balcone,
grave 11enne

18 Luglio 2018 alle 17:42

Un incidente domestico o un gioco finito male sono le possibili cause della caduta accidentale di ...

Ancora segni positivi, ma l'industria rallenta

Il direttore Renzo Gatti (a sinistra) e il presidente Maurizio Miglietta

Economia

Ancora segni positivi,
ma l'industria rallenta

18 Luglio 2018 alle 16:39

Ci sono ancora segnali positivi, ma "in rallentamento rispetto al precedente periodo di forte ...

Strasangiacomo, la corsa poi la festa

Valenza, veduta di corso Garibaldi

Valenza

Strasangiacomo, 
la corsa poi la festa

18 Luglio 2018 alle 16:12

Domani, giovedì, preludio alla festa di San Giacomo, a Valenza. Uisp, Cartotecnica Piemontese, ...

I VIDEO

nome_sezione

APPUNTAMENTI

WEB EDICOLA

sfoglia

abbonati