Martedì 23 Aprile 2019

Il racconto

A casa di Giulia: un senso di vuoto e problemi infiniti

A casa di Giulia: un senso di vuoto e problemi infiniti

Umberto Russo sul terrazzo, dopo l’incendio della caldaia

Dovete scrivere che in questa casa abitava una ragazza speciale». Usare i verbi al passato  farà effetto anche a Umberto Russo, l’amico che ci accoglie in stanze in cui manca qualcosa, anzi qualcuno. E mancherà per sempre.

Umberto è il papà di Giulia, la 14enne distrutta da un tumore.  Tre anni di battaglie, un’infinità  di visite e ricoveri negli ospedali di Alessandria e di Genova, medici e infermieri che hanno tentato l’impossibile contro una malattia arrivata d’improvviso, senza avvisare, e che poco alla volta s’è impadronita di una ragazza che giocava a pallone, che scriveva racconti e poesie, che a scuola conseguiva voti eccellenti, compreso quel 10 e lode con cui, malgrado le assenze forzate, s’è diplomata alla media Straneo, sperando di poter frequentare, da settembre, il liceo artistico di Valenza.

Se n’è andata a luglio, dopo 29 giorni di degenza all’hospice Il Gelso. Sul ‘Piccolo’ in edicola le testimonianze di chi, a Giulia, ha voluto un bene enorme.

LE ULTIME NOTIZIE
Pernigotti, la beffa degli auguri sul sito. Proteste sui social

Gli auguri sulla pagina fb un ennesimo affronto ai dipendenti della fabbrica novese

Il Caso

Pernigotti, la beffa
degli auguri sul sito

21 Aprile 2019 alle 23:57

L'immagine scelta è quella di un uovo di cioccolato, diviso in due, con all'interno gli ovetti. ...

Malore fatale salendo le scale

Casale Monferrato

Malore fatale
salendo le scale

20 Aprile 2019 alle 17:40

Un malore fatale mentre era al bar. Così è morto (verso l’una e mezza) un uomo di 72 anni, Valter ...

I VIDEO

nome_sezione

WEB EDICOLA

sfoglia

abbonati