Il racconto

A casa di Giulia: un senso di vuoto e problemi infiniti

A casa di Giulia: un senso di vuoto e problemi infiniti

Umberto Russo sul terrazzo, dopo l’incendio della caldaia

Dovete scrivere che in questa casa abitava una ragazza speciale». Usare i verbi al passato  farà effetto anche a Umberto Russo, l’amico che ci accoglie in stanze in cui manca qualcosa, anzi qualcuno. E mancherà per sempre.

Umberto è il papà di Giulia, la 14enne distrutta da un tumore.  Tre anni di battaglie, un’infinità  di visite e ricoveri negli ospedali di Alessandria e di Genova, medici e infermieri che hanno tentato l’impossibile contro una malattia arrivata d’improvviso, senza avvisare, e che poco alla volta s’è impadronita di una ragazza che giocava a pallone, che scriveva racconti e poesie, che a scuola conseguiva voti eccellenti, compreso quel 10 e lode con cui, malgrado le assenze forzate, s’è diplomata alla media Straneo, sperando di poter frequentare, da settembre, il liceo artistico di Valenza.

Se n’è andata a luglio, dopo 29 giorni di degenza all’hospice Il Gelso. Sul ‘Piccolo’ in edicola le testimonianze di chi, a Giulia, ha voluto un bene enorme.

LE ULTIME NOTIZIE
Arzachena Alessandria

Alla ripresa una verifica delle condizioni di Cazzola, costretto a lasciare il campo al 18' della ripresa

calcio - grigi

Grigi, 24 ore di silenzio. Aspettando le scelte

17 Ottobre 2017 alle 00:16

Dopo la strigliata ad altissima voce di Stellini, nel mirino molti giocatori, chiamati ...

"Questa squadra non decolla. Far rendere di più l'attacco"

Oltre mezzora al centro del campo dopo la fine della partita: Stellini, Sensibile e il presidente Di Masi

Calcio - Grigi

"La squadra non decolla.
Far rendere più l'attacco"

15 Ottobre 2017 alle 18:57

Mezz'ora al centro del campo: prima solo il presidente Luca Di Masi e il ds Pasquale Sensibile, poi ...

I VIDEO

nome_sezione

WEB EDICOLA

sfoglia

abbonati