Venerdì 27 Aprile 2018

Il caso

I giochi ‘chiusi’ in Amag presto nei sobborghi

I giochi ‘chiusi’ in Amag presto nei sobborghi

I giochi e le attrezzature per aree verdi chiusi da anni in un capannone di Amag - caso tornato agli onori delle cronache grazie a un sopralluogo del portavoce M5S Francesco Gentiluomo - saranno presto destinati ai sobborghi.
Ad annunciarlo è l’assessore ai Lavori pubblici, Giovanni Barosini, che spiega anche come «serva adesso un percorso normativo che individui prima i finanziamenti e poi l’azienda in grado di effettuare le installazioni in sicurezza».
La prima realtà che potrà godere di altalene, castelli e scivoli nuovi sarà il centro sportivo di Cascinagrossa, mentre da Amag sottolineano come «il materiale, acquistato nel 2012 nell’ambito di un’operazione di compensazione ambientale tra il Comune e Alenergy, è attualmente stoccato al chiuso e protetto. E, a seguito di vicende legali peraltro già analizzate e discusse da un’apposita commissione speciale di controllo sull’attività delle partecipate, non è stato possibile utilizzarlo fino a fine 2015».

Sul 'Piccolo' in edicola tutti gli approfondimenti.

LE ULTIME NOTIZIE
Un travaglio da record e Sofia nasce in casa

Sofia Minucci è nata il 23 aprile in un appartamento di via Buozzi, al quartiere Pista

La storia

Un travaglio da record
e Sofia nasce in casa

27 Aprile 2018 alle 10:17

«Non facciamo in tempo a raggiungere l’ospedale. Vorrà dire che partorirà in casa». Alle parole ...

I VIDEO

nome_sezione

APPUNTAMENTI

WEB EDICOLA

sfoglia

abbonati