Lunedì 18 Marzo 2019

L'inchiesta

La tragedia della Val Borbera: morti nel sonno per il monossido

La tragedia della Val Borbera: morti nel sonno per il monossido

Luca Baroni con il figlio Mattia, due delle tre vittime

Tragedia a Vignole Borbera. Un autotrasportatore, la sua compagna e il figlio diciannovenne di lui, sono morti per intossicazione da monossido di carbonio sprigionato dal cattivo funzionamento della caldaia a gas che si trovava all’interno del vecchio immobile. La morte ha colto nel sonno, probabilmente nella notte tra domenica e lunedì, Luca Baroni, 48 anni, la sua convivente Mariangela Mele, 45 anni, e il figlio dell’uomo, Mattia Baroni, 19 anni, che l’altra notte era andato a dormire dal padre.

A scoprire il dramma è stata la mamma del ragazzo, Monica Bernardi, che ha inutilmente cercato di mettersi in contatto con il figlio nella giornata di ieri. Sapendo che era andato a dormire dal padre, ieri pomeriggio, verso le 15, è andata a cercarlo nell’abitazione in località Molino, nei pressi del campo sportivo di Vignole Borbera. Dopo aver suonato vanamente il campanello dell’abitazione, Monica Bernardi ha raggiunto la porta a vetri dell’abitazione, e da dietro la tenda ha scorto il corpo del figlio esanime. Mattia Baroni era coricato sul divano, accanto a lui, a terra, suo padre, nell’altra camera Mariangela Mele. Non c’era più nulla da fare.

Sul 'Piccolo' in edicola tutti gli approfondimenti.

LE ULTIME NOTIZIE
Alessandria Entella

Per Colombo il peso di questo pareggio con la capolista si potrà capire più avanti. Sicuramente fa morale

Calcio - Grigi

'Punto che fa morale. Alla fine capiremo se è pesante'

17 Marzo 2019 alle 07:45

"Ancelotti ha detto che a calcio possono giocare tutti, anche quelli lenti e fisicamente robusti, ...

I VIDEO

nome_sezione

WEB EDICOLA

sfoglia

abbonati