Martedì 24 Aprile 2018

Ambiente

Caccia di selezione al cinghiale: i capi previsti sono 3.251

Caccia di selezione al cinghiale: i capi previsti sono 3.251

La giunta regionale, su proposta dell’assessore Giorgio Ferrero, ha approvato i primi piani di prelievo selettivo presentati dagli ambiti di caccia e dalle aziende faunistico-venatorie per la caccia di selezione al cinghiale, partita ieri: una apertura  che si è resa necessaria per i pesanti danni alle colture e per i rischi di incidenti stradali che la proliferazione dei cinghiali ha provocato su tutto il territorio piemontese.

I piani di prelievo selettivo approvati riguardano tre Atc alessandrine (Al1, Al3,Al4), la biellese Bi1, la Vc1 di Vercelli, due Atc novaresi (No1 e No2), due torinesi (To1 e To2) e il comparto alpino To3. Sono poi stati approvati i piani di prelievo selettivo di 68 aziende faunistico-venatorie e agri-turistico-venatorie nelle diverse province piemontesi. In totale i capi previsti dai piani di selezione sono 3.251.

“E’ la risposta necessaria ai pesanti danni alle coltivazioni e alle proprietà che la incontrollata proliferazione dei cinghiali continua a causare, e agli incidenti stradali provocati da questi animali, talvolta anche mortali, come le cronache degli ultimi mesi registrano - spiega l’assessore Ferrero - La caccia autorizzata è solo quella di selezione e ogni abbattimento dovrà essere segnalato alle autorità con una scheda su cui saranno specificate le caratteristiche dell’animale abbattuto. Per la caccia al cinghiale in squadra e per le altre specie interverrà il calendario venatorio, su cui stiamo lavorando. Nel frattempo, l’augurio è che presto altri ambiti di caccia aderiscano, presentando il necessario piano di prelievo selettivo”.

LE ULTIME NOTIZIE
Il centro? Eppur si muove...

Commercio

Il centro? Eppur
si muove...

20 Aprile 2018 alle 15:06

‘Il Piccolo’ per primo, sul finire dell’autunno, ha acceso i fari sulla realtà del centro storico ...

I VIDEO

nome_sezione

APPUNTAMENTI

WEB EDICOLA

sfoglia

abbonati