Mercoledì 17 Ottobre 2018

Sanità

Centri diurni riabilitativi per minori: ecco le strutture

Centri diurni riabilitativi per minori: ecco le strutture

Palazzo Lascaris, sede della Regione Piemonte

Novità per la Sanità piemontese: su proposta degli assessori regionale Antonio Saitta e Augusto Ferrari, infatti, è stata approvata in giunta la delibera relativa ai centri diurni-socio riabilitativi per minori.

A fronte dell’esigenza di avviare un processo di riqualificazione della rete di strutture residenziali e semi-residenziali per minori, infatti, era necessario ridefinire i requisiti strutturali e gestionali a seconda delle varie tipologie di strutture destinate ad accoglierli: per garantire requisiti di qualità nei percorsi di accoglienza di tali residenze, rivolte a minori con bisogni particolari e specifici, ai nuclei genitore-bambino, ai minori stranieri non accompagnati o in caso di percorsi di autonomia e di accoglienza in emergenza, la delibera 25 del 2012 aveva avviato un periodo di sperimentazione nelle diverse province della Regione.

L’obiettivo: attivare dei progetti, diversificati a seconda delle esigenze dei minori, mirati ad evitare il collocamento fuori dalla famiglia per un tempo non determinato e volte a garantire, nel più breve tempo possibile, il reperimento di un’accoglienza familiare. Con il nuovo provvedimento si ritiene concluso il periodo di sperimentazione voluto dalla delibera e nasce la nuova tipologia di Centro diurno socio riabilitativo, destinato a minori con patologie psichiatriche, quale tipologia autonoma e ordinaria di servizio diurno per la tutela della salute mentale dei minori.

Durante la fase di sperimentazione si è provveduto a monitorare il fabbisogno, a livello regionale, dei territori, definendo così l’attuale distribuzione dei centri: 3 strutture per il quadrante della città di Torino (di cui 2 già attivi), 2 per il quadrante provinciale di Torino ( di cui 1 già attivo), 2 per il quadrante di Novara, Vercelli, Biella e Vco (di cui 1 già attivo a Novara), 1 per il quadrante di Cuneo 1 e Cuneo 2 e 2 per il quadrante di Asti e Alessandria (di cui 1 già attivo). Ma non solo: la Regione è infatti disponibile, ove possibile e qualora i territori a seconda del proprio fabbisogno lo richiedano, a prendere in considerazione nuove aperture.

LE ULTIME NOTIZIE
Muore a 22 anni

Novi Ligure

Muore a 22 anni
per un infarto

17 Ottobre 2018 alle 16:29

Non ci sono più dubbi, è stato un infarto a uccidere, la notte scorsa, Edoardo Giavino, il ragazzo ...

La raccolta di cibo per chi non ne ha

Volontari di 'Porta la sporta'

Valenza

La raccolta di cibo 
per chi non ne ha

16 Ottobre 2018 alle 19:25

Sabato 13 e domenica 14 ottobre si è svolta a Valenza l'edizione 2018 di 'Porta la Sporta', evento ...

I VIDEO

nome_sezione

APPUNTAMENTI

WEB EDICOLA

sfoglia

abbonati