Martedì 21 Agosto 2018

Cronaca

Trentasei truffe, anche da noi

Operazione dei carabinieri di Vercelli: nei guai due napoletani

Trentasei truffe, anche da noi

Veduta di Vercelli

Hanno commesso trentasei truffe, a Vercelli e in molte zone del Nord Italia, tra cui anche in provincia di Alessandria. I carabinieri del reparto operativo del Comando Provinciale di Vercelli hanno eseguito due ordinanze di custodia cautelare ai danni di due napoletani di 48 e 20 anni. Sono accusati di associazione per delinquere finalizzata alla truffa, concorso in tentata truffa e sostituzione di persona.  Nella provincia alessandrina hanno agito il 5 giugno scorso, a Felizzano. I due balordi sono riusciti a raggirare una donna di 90 anni, riuscendo a farsi consegnare due orologi d'oro (valore non quantificato). 
Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore Davide Pretti, hanno preso il via da una truffa messa in atto il 21 marzo scorso a Caresanablot, in provincia di Vercelli. I due contattavano, tramite 'telefonisti' con dimora in Spagna, attualmente in corso di identificazione, le vittime con il principio della 'pesca a strascico', ed utilizzando un copione consolidato, cercavano di carpire dalla stessa persona che avevano contattato, informazioni sul congiunto. I 'telefonisti' effettuavano numerosissimi tentativi telefonici dicendo che il parente (molte volte il figlio) aveva avuto un incidente stradale e aveva bisogno di denaro. Continuavano a provare fino a quando individuavano una persona che, spaventata, accettava di versare la somma richiesta e oggetti preziosi per favorire la scarcerazione della persona cara. Una volta ottenuta la disponibilità della vittima, i telefonisti contattavano i due arrestati fornendo loro le indicazioni per raggiungere l'obiettivo e prelevare i preziosi. Le persone coinvolte nella truffa usavano schede intestate a persone inesistenti o acquistate in forma anonima in Spagna. Escamotage che non è servito perché sono stati intercettati dai carabinieri. Nel periodo tra il 10 maggio e giugno 2018 hanno messo a segno 36 truffe in ventun province, compresa Alessandria. Si parla di un bottino complessivo di circa 60 mila euro. Le indagini del reparto investigativo di Asti, diretto dal maggiore Renato Giraudo (già comandante del Nas di Alessandria, prossimo alla promozione a tenente colonnello), hanno permesso di accertare che uno dei telefonisti e' stato a sua volta 'frodato' da un complice che gli raccontava che le vittime avevano consegnato soldi o gioielli inferiori a quelli realmente sottratti. 

LE ULTIME NOTIZIE
Grigi Nicola Talamo

L'Alessandria ha acquisito a titolo definitivo Nicola Talamo attaccante, l'anno scorso a Pagani

Calcio - Grigi

L'under in attacco è Talamo. L'anno scorso a Pagani

21 Agosto 2018 alle 17:22

L'Under per l'attacco dell'Alessandria è Nicola Talamo. Classe 1996, 22 anni appena compiuti, è ...

Trasferiti a Genova da 3 giorni: sfollati

Una delle immagini simbolo della strage di Genova

La storia

Trasferiti a Genova da 3 giorni: sfollati

21 Agosto 2018 alle 13:02

Tra  gli sfollati della tragedia del ponte Morandi di Genova c'e anche una famiglia che fino all'11 ...

Moreno Tortolina

Moreno Tortolina con Porto Alabe, il cavallo che ha preparato per il trionfo al Palio di Siena

Il Personaggio

Moreno, l'osteapata
che ha vinto il palio

21 Agosto 2018 alle 10:24

"A Siena ci sono contradaioli che preferiscono non vincere il palio se questo serve a non far ...

I VIDEO

nome_sezione

APPUNTAMENTI

WEB EDICOLA

sfoglia

abbonati