Martedì 23 Aprile 2019

Pernigotti

Drammatico appello di un operaio: "Politici, aiutateci!"

Imbacuccato in una giacca a vento rossa, con cappello di lana e megafono, da circa un’ora Yonny Chaves è sopra una pila di bancali in legno del tipo solitamente usato per il trasporto delle merci e sta leggendo un messaggio attraverso il quale, tra l’altro, fa sapere che "sono quasi tre mesi che scioperiamo con dignità per difendere il nostro posto di lavoro serio e non un lavoro spezzatino. Eppure i proprietari, essendo loro ‘esseri’ corretti, ci vogliono chiudere la bocca e querelarci”.

Chiaro il riferimento alla notizia trapelata stamane, inerente una 'denuncia' sporta nei confronti di un giovane operaio, che durante la manifestazione ancora in corso è stata ‘derubricata’ a lettera di richiamo. L’interessato non è presente, protetto dalla solidarietà dei colleghi.

Prosegue Chaves: “Se volete, cari signori fratelli turchi, sciopereremo con poca favilla. Siamo lavoratori che vogliono ritrovare la propria dignità e spazio nelle società oltre a dare un esempio ai giovani. Forse la signora proprietà non ha ancora capito che siamo in un paese democratico e libero dove l’articolo 1 della Costituzione recita che l’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro. Chiedo alle forze sindacali e alle istituzioni politiche di ricordarsi delle bandiere italiane firmate dai lavoratori della Pernigotti e ora nelle vostre sedi. Signor vice premier Di Maio - conclude - ci aiuti, faccia sì che il decreto 'salva marchi storici' possa comprendere anche noi. Per favore, fate questa benedetta legge entro il 5 febbraio”.

Toccante anche la parte finale del messaggio, in cui Yonny ricorda il figlio Andrea, lo studente che conosceva a memoria la Divina Commedia, morto a 21 anni mentre scalava in solitaria il monte Bianco: “Un giorno un giovane poeta, amante della vita, disse dalle sue amate montagne che bisogna credere, sognare e sperare per un mondo libero e migliore”.

Lo stesso messaggio, nei giorni scorsi, è andato a registrarlo sulla cima di una montagna - dove ha appeso la bandiera tricolore alla croce che ricorda il ragazzo -  e lo ha diffuso sui social, “affinché  tutto il mondo possa sapere cosa succede a Novi”. 

LE ULTIME NOTIZIE
Pernigotti, la beffa degli auguri sul sito. Proteste sui social

Gli auguri sulla pagina fb un ennesimo affronto ai dipendenti della fabbrica novese

Il Caso

Pernigotti, la beffa
degli auguri sul sito

21 Aprile 2019 alle 23:57

L'immagine scelta è quella di un uovo di cioccolato, diviso in due, con all'interno gli ovetti. ...

Malore fatale salendo le scale

Casale Monferrato

Malore fatale
salendo le scale

20 Aprile 2019 alle 17:40

Un malore fatale mentre era al bar. Così è morto (verso l’una e mezza) un uomo di 72 anni, Valter ...

Malore fatale, muore 75enne

Casale Monferrato

Malore fatale,
muore 75enne

20 Aprile 2019 alle 09:18

Un malore fatale mentre era al bar. Così è morto (la scorsa notte) un uomo di 75 anni. E’ accaduto ...

I VIDEO

nome_sezione

WEB EDICOLA

sfoglia

abbonati