Lunedì 25 Marzo 2019

Alessandria

Operati due gemellini prematuri con la terapia intravitreale

L’Oculistica dell’ospedale è tra i pochi centri in Italia a praticare questa innovativa tecnica di cura

Operati due gemellini prematuri con la terapia intravitreale

Quando un bambino nasce prematuro, tutti gli apparati e gli organi sono ancora in via di sviluppo, compresa la retina, che presenta una vascolarizzazione ancora embrionale. È il caso di due gemellini di 800 grammi nati alla 25esima settimana di gravidanza e affetti da una gravissima forma di retinopatia del bambino pretermine (Rop).

Si tratta di una malattia che colpisce la retina del neonato prematuro e attualmente rappresenta la prima causa di cecità infantile nei Paesi occidentali, complicata dalla prematurità del paziente e dalla rapidità di evoluzione. Proprio per questo motivo, una volta raggiunta la soglia del trattamento, è necessario intervenire con il laser per evitare che la patologia si aggravi con il distacco della retina, fino alla compromissione della vista. 

L’Azienda Ospedaliera di Alessandria è all’avanguardia nell’assistenza a bambini estremamente prematuri, grazie al lavoro sinergico di estrema qualità tra la Terapia Intensiva Neonatale e l’Oculistica che fa parte del Gruppo di Studio Italiano per la Rop. Nello specifico, gli oculisti dell’Azienda Ospedaliera sottopongono ogni settimana i neonati prematuri a visite di screening in incubatrice e monitorano lo sviluppo della retina per individuare precocemente la malattia.

I due gemellini, però, a causa dell’estrema prematurità, presentavano una forma molto aggressiva di Rop non rispondente al laser. È stato quindi necessario ricorrere a un’innovativa tecnica di cura: la terapia intravitreale.

L’Aso di Alessandria è tra i pochi ospedali in Italia, il primo in Piemonte, a praticare questa nuova opzione terapeutica, oggetto dello studio mondiale Rainbow, a cui ha preso parte l’Oculistica di Alessandria. I neonati sono quindi stati trasportati in sala
operatoria e sottoposti ad un’iniezione intraoculare di farmaci antiangiogeni, con immediata scomparsa della vascolarizzazione patologica e della vascolarizzazione embrionale del cristallino.

A distanza di alcuni mesi, una volta migliorate le condizioni generali e oculari, i bambini hanno subito anche il trattamento laser al fine di stabilizzare il quadro clinico. Ora, dopo mesi di ricovero, sono finalmente a casa e proseguono il percorso di crescita in un ambiente familiare, con la retina perfettamente aderente.

LE ULTIME NOTIZIE

I VIDEO

nome_sezione

WEB EDICOLA

sfoglia

abbonati