Martedì 25 Giugno 2019

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

Calcio - Grigi

"Questa squadra sa sempre ripartire. Con la spinta dei giovani"

Colombo: "Gerace, 2001, ha colmato il gap di esperienza con avversari di reparto"

Novara - Alessandria

Il gol decisivo di Santini, al 22' della ripresa

“Questa squadra, almeno con la mia gestione, ha sempre risposto sul campo ai passaggi a vuoto: lo aveva fatto dopo Piacenza, battendo la Pro Vercelli, lo ha fatto dopo il ko con l'Arezzo – sottolinea Alberto Colombo – La conferma che i derby danno motivazioni che vanno oltre la classifica, soprattutto che questa gruppo ha valori e la determinazione di rialzarsi sempre contro avversari di spessore. Accorciare le distanze dal Pontedera non fa altro che aggiungere entusiasmo in tutti e rendere ancora più determinante la prossima gara. I complimenti vanno ai ragazzi, tutti: per la prestazione, per la capacità di soffrire soprattutto all'inizio dei due tempi, quando la loro pressione alta ci ha messo un po' in difficoltà, e poi dopo il vantaggio, molto bravi a compattarsi, concedendo quasi nulla”. Anche il fattore 'età, per Colombo, merita l'evidenza. “Abbiamo perso, in queste settimane, giocatori esperti: penso a Chiarello quasi un mese fa, e poi Gatto e Coralli. E, nel derby, dopo poco più di mezz'ora, Prestia, che è un punto di riferimento. Ebbene, i giovani si stanno comportando molto bene e questo rende ancora più positivo il risultato, oltre la reazione e i tre punti che, a Novara, mancavano da molti campionati. La squadra, tutta, ha dimostrato di tenere a questi risultato voluto da tutti, anche dalla società e dai tifosi”. I giovani, che Colombo porta alla ribalta  sono destinati, ancora di più, ad essere protagonisti del finale di stagione. E se Edoardo Sbampato ha già molte gare da titolare, a Novara entrato al posto di Prestia e bravo non solo in marcatura, ma anche nei cambi di gioco, il nome emergente è quello di Matteo Gerace, classe 2001, lo stesso anno dell'ultimo successo, prodotto del vivaio grigio, da quest'anno stabilmente in prima squadra. “Un 2001 che ha dato tutto nella mezzora a disposizione e non ha fatto vedere assolutamente il gap con giocatori molto più esperti. Gerace è entrato in una situazione non facile, ancora sullo 0-0, e si è comportato da giocatore vero. Come tutti, anche chi è entrato: impatto giusto, aiuto indispensabile”. La squadra è tornata subito al lavoro, già questa mattina, per preparare l'anticipo del 18 aprile  giovedì, al Moccagatta con la Pro Patria. Nelle prosime ore si saprà qualcosa in più dell'entità dell'infortunio a Prestia. "Nel ricadere dopo aver staccato, su una palla alta, ha avvertito una scossa: si pensa ad un problema muscolare, ma c'è da stabilire di quale entità: per giovedì la sua presenza è da escludere, ma tempo che sia compromessa per il resto della stagione. Un peccato davvero: Prestia è un giocatore che sta crescendo, che dà sicurezza perché ha una sicurezza, come anche Gazzi, al reparto e a tutta la squadra". La difesa ha funzionato bene. "Sempre più, per difendere bisogna attaccare in avanti. Rispetto al momento in cui ho fatto i cambi, ho chiesto di metterci a 4 in mezzo per contrastare meglio il Novara. Dal punto di vista del palleggio, possiamo ancora migliorare - insiste il tecnico - perché abbiamo perso qualche palla di troppo, che ha permesso ripartenze per gli avversari: per questo dico che, conpscendo il giocatore, mi aspetto progressi ancora da Maltese, perché possa dettare il ritmo in maniera più convincente". Uno dei giocatori ritrovati, e utili per il finale, è Giuseppe Agostinone. "Sapevo che poteva anche essere rischioso puntare subito su di lui che non ha tutti i 90', ma le risposte sono state positive. Ora valutiamo se può farcela per un impegno di nuovo consistente giovedì"

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Capriata d’Orba

Muore schiacciata contro il cancello
dalla propria auto

20 Giugno 2019 ore 08:45
L’inchiesta

Sette medici sotto indagine per la morte di Ingrid

21 Giugno 2019 ore 13:16
.