Il caso

Sale giochi, vinto dal Comune il primo round al Tar

 Sale giochi, vinto dal Comune il primo round  al Tar

È andato al Comune di Ovada Il primo round del match sulla limitazione degli orari delle sale gioco, dove sono installate le slot machine: il procedimento era stato intentato dalla “Yes Play Srl, società che gestisce appunto questo tipo di attività, contro l’ordinanza del sindaco, dello scorso anno, che, in base ad una legge regionale, aveva limitato gli orari di apertura, in considerazione della presenza in città di un fenomeno consistente di giocatori compulsivi e della rilevanza sociale che questo problema è andato assumendo nel contesto delle famiglie e della società locale.

La prima udienza, che si è svolta ieri a Torino, davanti al Tar Piemonte, ha respinto l’istanza di sospensiva, richiesta dalla società attrice, in considerazione delle argomentazioni addotte dal Comune, relative alla necessità di tutelare le fasce deboli della popolazione e ha quindi motivato ritenendo prevalente questo aspetto, rispetto all’interesse economico della ditta ricorrente.

LE ULTIME NOTIZIE
Alessandria Bunino

Christian Bunino è uno dei tre ex della sfida di domenica. Insieme a Gazzi e Terigi

Calcio - Grigi

Bunino: "Ora prendiamo ciò che meritiamo"

22 Settembre 2017 alle 09:52

Leonardo Terigi, uno dei tre ex della gara domenica (c'è pure Gazzi, a Siena in A)  sostiene di ...

I VIDEO

nome_sezione

WEB EDICOLA

sfoglia

abbonati