Venerdì 22 Marzo 2019

Paleontologia

Progetto scientifico per valorizzare il mare di Cassinelle

Progetto scientifico per valorizzare il mare di Cassinelle

Il terreno di Cassinelle è il mare dei paleontologi

Un territorio ricco di reperti che narrano una storia che si perde nei recessi lontanissimi del divenire della Terra, quando in queste zone c’era il mare e tutta la conformazione delle terre emerse era ben diversa: di quelle epoche restano ancora tante attestazioni, che l’occhio esperto e la passione degli studiosi possono riportare alla luce e far divenire testimonianza visiva di un passato in cui affondano le radici del presente.

Una ricerca che continua e offre sempre nuovi motivi di grande interesse e di possibilità di approfondire le conoscenze: stasera sarà il biologo marino Mariano Peruzzo a presentare il mare di Cassinelle. Su questo cammino si era avviato con grande successo Giulio Maini, appassionato studioso di reperti fossili, di cui sulle propaggini dell’Appennino e sulle colline dell’Ovadese aveva trovato straordinarie prove, tra cui granchi, lische di pesci, conchiglie e la famosa “Calapillia Maini”, che rappresenta un’unicità assoluta.

LE ULTIME NOTIZIE
Schianto, muore donna grave la nipotina

I soccorritori sul posto dello schianto (foto Gas)

Castelceriolo

Schianto: muore donna,
grave la nipotina

21 Marzo 2019 alle 15:34

Un impatto forse lieve, poi l'auto si capotta nel fosso. Le conseguenze sono drammatiche. Una donna ...

I VIDEO

nome_sezione

WEB EDICOLA

sfoglia

abbonati