L'intervista

"Valenza era vivace, ma di partecipare è ritornata la voglia"

"Valenza era vivace, ma di partecipare è ritornata la voglia"

Stefano Gotta

La serata dedicata a Ginetto Prandi, è stata l’occasione per raccontare (anche) una Valenza che non c’è più, profondamente cambiata. Ci è parso giusto che il ragionamento non finisse con lo spegnersi dei riflettori. Ecco perché abbiamo incontrato Stefano Gotta, musicista emigrato altrove, figlio di Fabrizio che, per uno strano scherzo del destino, se ne andò lo stesso giorno in cui perdemmo Prandi, il 6 gennaio 2015. Stefano ci dà l’occasione per fare un salto all’indietro.
Com’era la Valenza che ha lasciato? " Una città laboriosa, accogliente, tollerante, vivace, entusiasta, gaudente e al tempo stesso misericordiosa. Una comunità evoluta, con un forte senso di appartenenza, oltrechè sostenuta da figure imprenditoriali apicali".
E adesso? "Resta tutta la forza esplosiva della provincia operosa ma anche la sua spinta implosiva, legata a fattori momentanei, del presente".
L'intervista completa sul 'Piccolo' oggi in edicola.

LE ULTIME NOTIZIE
Medico ucciso, il collega assassino mosso da un esasperato rancore

Un momento della conferenza stampa al Comando Provinciale. Sullo schermo Massimiliano Ammenti

Medico ucciso, il collega  mosso da rancore

23 Giugno 2017 alle 13:44

Quando i carabinieri sono entrati, in forze, nella sua abitazione a cinquanta metri dall'ospedale ...

Alessandria spareggio

E' il momento della festa: l'Alessandria ha battuto il Brescia, 2-1, e torna in serie A

Calcio - Grigi

Sessant'anni fa la serie A: una città in delirio

23 Giugno 2017 alle 16:50

Chi l'ha detto che l'Alessandria non sa vincere gli spareggi. Li sa vincere, eccome. Sessant'anni ...

I VIDEO

nome_sezione

WEB EDICOLA

sfoglia

abbonati