Martedì 22 Settembre 2020

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

Scuola

“Energia in energia”: al via la gara di scienze

Tema di quest'anno: "Il cambiamento: impariamo la sostenibilità dall’esperienza"

“Energia in energia”: al via la gara di scienze

SCUOLA - Presentato al Castello di Piovera la nuova edizione 2020/2021 del progetto Energia in Energia, la gara di scienze sul tema “Il cambiamento: impariamo la sostenibilità dall’esperienza”. Promosso da Associazione Ideale-3i group di Alessandria, in collaborazione con il Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica dell’Università degli Studi del Piemonte Orientale e il patrocinio e coinvolgimento dell’Amministrazione Comunale di Alessandria (Assessorato alle Politiche Giovanili, Manifestazioni ed Eventi e Assessorato ai Servizi educativi e scolastici) oltre alla sinergia con molte scuole alessandrine, il progetto intende accompagnare alunni e docenti in un percorso di apprendimento dedicato ai corretti usi dell’energia e delle risorse del pianeta.

Accolti al Castello da Alessandro Calvi di Bergolo, l’importanza istituzionale e culturale della nuova edizione del progetto “Energia in Energia” e le sue caratteristiche distintive sono state illustrate dall’assessore comunale alle Politiche Giovanili, Manifestazioni ed Eventi e dall’assessore comunale ai Servizi educativi e scolastici di Alessandria. A corredo a questi interventi istituzionali introduttivi, il programma della presentazione ufficiale annovera gli interventi di Gianluca Gualco, coo e partner di 3i group e vicepresidente Associazione Ideale, di Enrico Boccaleri, Chiara Bisio, Paolo Trivero, rappresentanti Disit -Università del Piemonte Orientale, di Alessandro Calvi di Bergolo e di Maria Elena Dealessi, dirigente scolastico dell’Istituto Volta di Alessandria.

Target primario previsto dell’evento di presentazione era quello degli insegnanti che sono stati inviati e con i quali i promotori hanno inteso approfondire gli elementi distintivi e le ipotesi di coinvolgimento delle scuole alessandrine, in coerenza anche allo “slogan” scelto per l’occasione nel rivolgersi ai docenti, ossia “La vostra partecipazione è preziosa così come le vostre idee!”.

L’edizione 2020/2021 del progetto è aggiornata in base alle disposizioni da Covid-19 tutt’ora vigenti e si caratterizza per materiali per la didattica a distanza, laboratori in videoconferenza ed eventi all’aperto.

L'obiettivo generale didattico-culturale è quello di familiarizzare con il concetto di “energia” e sensibilizzare sui temi del risparmio energetico, dell’uso efficiente delle risorse e della riqualifica dell’ambiente. I docenti partecipanti prendono parte a 4 ore di seminario accreditato presso l’Università del Piemonte Orientale. Ogni classe riceve gratuitamente del materiale didattico di approfondimento e la possibilità di utilizzo di un’applicazione formativa per tablet o mobile. Gli ingegneri della 3i group, accompagnati dai ragazzi di alternanza scuola-lavoro, organizzano dei video-laboratori per gli alunni in gara.

Alla fine dell’anno scolastico i ragazzi espongono i loro progetti di fronte ad una giuria composta da esperti. Il progetto più interessante viene premiato con un buono in denaro da reinvestire in materiale didattico.

«Anche l’edizione 2020/2021 del progetto — dichiara l’assessore comunale alle Politiche Giovanili, Manifestazioni ed Eventi — si presenta con tutti gli elementi necessari per conseguire un ampio successo. È quello che è già avvenuto nelle edizioni precedenti, a conferma della qualità dell’intuizione dei promotori, oltre che della grande capacità di coinvolgimento delle giovani generazioni del nostro territorio che, attraverso l’esperienza scolastica, hanno la possibilità di allargare la propria sensibilità e il proprio know-how su aspetti che, fin dall’inizio, caratterizzano questa gara e che in modo encomiabile valorizzano e concretizzano il binomio “energia e ambiente”, anche nella sua portata e dimensione educativa e culturale. Non vi è dubbio, poi, che il coinvolgimento di tanti giovani studenti su questi temi non potrà che rafforzare ulteriormente per i prossimi anni proprio il protagonismo e la creatività che questa Amministrazione riconosce “alle” e “nelle” giovani generazioni del nostro territorio su aspetti che ritengo fondamentali del nostro futuro».

«La gara di scienze che il progetto “Energia in energia” promuove – sottolinea l’assessore comunale ai Servizi educativi e scolastici – è stata ormai riconosciuta come un format di alto profilo didattico-scientifico di rilievo nazionale.. L’Amministrazione Comunale di Alessandria pertanto guarda con estremo interesse al lancio anche di questa nuova edizione confermando il proprio interesse e sostegno per la sua ottimale riuscita».

«Da diversi anni abbiamo parlato di contenimento dei consumi energetici e quest’anno abbiamo provato sulla nostra pelle, a causa del virus Covid, cosa vuole dire ridurre i consumi. Quest’anno focalizzeremo le esperienze dei nostri bambini e ragazzi proprio su questo: guardare diversamente e comprendere come una piccola azione quotidiana possa cambiare sostanzialmente lo stato del nostro ecosistema per arrivare, insieme, ad una vera e propria transizione energetica “green”» dice Gianluca Gualco, vicepresidente Associazione Ideale e partner 3i group.

«L’Istituto Superiore ‘Volta’ di Alessandria parteciperà in qualità di partner alla quarta edizione del progetto, mettendo a disposizione degli alunni più piccoli le competenze tecniche e scientifiche degli studenti del liceo scientifico opzione Scienze Applicate e del corso Chimica, Materiali e Biotecnologie dell’Istituto Tecnico» dichiara Maria Elena Dealessi, dirigente scolastico dell’Istituto Itis Volta di Alessandria.

«Il Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica supporta anche quest'anno con grande entusiasmo l'iniziativa promossa dalla 3i Group e dall’Associazione Ideale, e rinnova la collaborazione per la formazione dei docenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado. Soprattutto in un momento delicato come quello che stiamo vivendo, siamo convinti che l'iniziativa possa essere una valida forma didattica di supporto e che possa consentire di sviluppare nelle nuove generazioni di cittadini competenze e sensibilità verso temi così importanti come la sostenibilità ambientale, l'uso efficiente e consapevole delle risorse e la riqualificazione complessiva del mondo che ci circonda» conclude Chiara Bisio del Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

>

Le notizie più lette

.