Martedì 18 Gennaio 2022

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

Economia

Strada dei vini e del GranMonferrato: nominato il direttivo

Una sinergia tra Acqui, Casale, Ovada e la Camera di Commercio

Strada dei vini e del GranMonferrato: nominato il direttivo

ACQUI TERME - Un nuovo strumento di promozione e di valorizzazione sul territorio: la “Strada dei Vini e dei Sapori del GranMonferrato”.  L’iniziativa è nata dalla volontà progettuale dei Comuni di Acqui Terme, Casale Monferrato e Ovada, in collaborazione con la Camera di Commercio Alessandria-Asti.  

Il direttivo 

«Per la costituzione della Strada si sono unite le più importanti realtà economiche del territorio, tra cui, come enti capofila e fondatori, le Enoteche Regionali dei rispettivi Comuni promotori, che diventano protagoniste di questo importante strumento per l'offerta enoturistica – informano da Palazzo Levi - La Strada dei Vini e dei Sapori GranMonferrato si snoda lungo un itinerario di oltre 700 km che collega 109 comuni, toccando numerose varietà di vini tra Docg e Doc, riconosciuti per la loro qualità a livello nazionale e internazionale». 

Il Consiglio Direttivo della Strada sarà formato dal presidente Carlo Ricagni, dal vicepresidente Federico Robbiano e dal consigliere Franco Angelini. L'atto di costituzione è stato firmato davanti ai soci fondatori: il presidente dell'Enoteca regionale di Acqui Terme, Annalisa Vittore, il presidente dell'Enoteca regionale di Casale Monferrato, Claudio Saletta, e il presidente dell'Enoteca regionale di Ovada, Mario Arosio. La sede legale dell'associazione sarà presso l’Enoteca Regionale di Ovada e del Monferrato. L'associazione avrà come compiti quello di promuovere la conoscenza e l'immagine del territorio attraverso i prodotti enogastronomici al fine di incentivare lo sviluppo dei luoghi interessati dalla Strada e innalzare la qualità della loro offerta turistica. 

«È un grande passo per il territorio – dichiara il neo presidente della Strada, Carlo Ricagni - Si tratta di un importante traguardo, che ci permetterà di iniziare la procedura per il riconoscimento presso la Regione Piemonte. È stato un lavoro molto intenso, ma siamo certi che i vini e i sapori di questo territorio vasto e variegato, ricco di fascino e suggestioni, possano diventare una grande fonte di attrazione grazie a un'offerta turistica integrata capace di coniugare cultura, natura ed enogastronomia». 

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Il video

Alessandria, rissa in via Pontida

16 Gennaio 2022 ore 15:02
Il lutto

Vittima del Covid a 61 anni

08 Gennaio 2022 ore 10:20
.