Sabato 31 Luglio 2021

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

Virus - L'analisi

"Zona bianca vicina, ma bisogna compiere uno sforzo ulteriore"

Carluccio Bianchi, docente Upo: "Tutte le curve ancora in discesa, in provincia 39 contagi al giorno"

"Zona bianca vicina, ma bisogna compiere uno sforzo ulteriore"

ALESSANDRIA - «La zona bianca auspicata dal governatore Cirio? Sicuramente la nostra provincia è vicina al raggiungimento dell’obiettivo, ma manca ancora qualcosa. E sia Asti che Novara sono in vantaggio rispetto a noi».

Carluccio Bianchi, docente di Macroeconomia dell’Upo, conferma che il quadro pandemico è in costante miglioramento, con tutte le curve che proseguono in una discesa sempre più accentuata.

«Il Piemonte cala a un ritmo sostenuto, e se prendiamo in considerazione la consueta classifica dell’incidenza dei nuovi contagi ogni 100mila abitanti, le distanze sono oramai minime. La nostra regione, infatti, è a quota 70, Alessandria e l’Italia a 65, mentre la Lombardia chiude con 63. La soglia per entrare in zona bianca è 50, Asti è a 53, Novara a 60. Se invece valutiamo i contagi totali settimanali, il Piemonte passa da 4533 a 3055, quindi 1478 in meno e una riduzione in percentuale pari al 33%. In media, sono 436 contagi al giorno, come lo scorso 14 ottobre».

Le buone notizie, però, non sono finite, perché si alza la percentuale di asintomatici (43,4%) e il tasso di positività scende al minimo, e cioè al 2,3%. I contagi nelle Rsa sono oramai pochissimi, 34 nella settimana e 5 al giorno, così come prosegue anche la discesa delle scuole.

«In termini numerici - conferma Bianchi - il calo è notevole, perché si scende da 706 a 466 negli ultimi sette giorni. E anche dagli ospedali arrivano ottimi riscontri, in quanto le terapie intensive erano 143 e sono 121, con tasso di occupazione sotto al 20%, al 19 per la precisione. Ancora più marcata la riduzione dei ricoveri ordinari, 496 in meno e un totale di 1001. Il livello di saturazione è al 17%, addirittura più basso di quello delle rianimazioni». Decessi stabili, 94 contro 95.

Alessandria, infine, scende da 367 a 273 contagi settimanali, quindi 94 in meno e 39 in media al giorno. «La riduzione in termini percentuali - conclude Bianchi - è pari al 26%, leggermente inferiore al dato del Piemonte, ma andiamo comunque bene. Per trovare dati simili bisogna risalire appunto a metà ottobre, quando stava per iniziare la seconda ondata. I guariti, 413 in più, sono sempre molti, mentre i decessi, nove, restano stabili. Interessante la valutazione sulle persone ‘attualmente positive’: in settimana il calo è di 149 unità, per un totale di 557. Significa che siamo allo 0,13% dell’intera popolazione della provincia. Ora bisogna proseguire, serve ancora uno sforzo ulteriore».

TORNA AL BLOG DI CARLUCCIO BIANCHI

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

La tragedia

Motociclista muore
nell’impatto contro guard rail

24 Luglio 2021 ore 10:15
.