Mercoledì 01 Aprile 2020

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

Donazioni

#iofacciolamiaparte con la Fondazione Uspidalet

Grazie alle donazioni di singoli cittadini, associazioni e aziende per l'acquisto di strumentazioni per la Terapia Intensiva

#iofacciolamiaparte con la Fondazione Uspidalet

immagine d'archivio

ALESSANDRIA - Avviata la campagna #iofacciolamiaparte della Fondazione Uspidalet Onlus che da dieci anni sostiene l’Azienda Ospedaliera. L’Uspidalet è accanto agli operatori, per combattere contro il coronavirus perché “grazie ai piccoli gesti di ognuno di noi, si può fare la differenza”.

E così è stato finora: con il gesto di singoli cittadini e associazioni che in soli tre giorni hanno risposto all'emergenza superando le 200 donazioni. E con il contributo attraverso video messaggi del mondo dello spettacolo da sempre vicino alla Fondazione Uspidalet, sono stati ordinati i primi “caschi per la respirazione ventilata”, attrezzature che permettono di liberare posti in Terapia Intensiva, oggi in grande sofferenza per l'emergenza Covid-19.

Una iniziativa che si inserisce nella campagna #fermiamoloinsieme “Un aiuto per gli ospedali della Provincia di Alessandria” messa in campo dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria e Fondazione Solidal: un messaggio di generosità, concretezza e unione che interesserà gli ospedali di Alessandria, Tortona, Casale Monferrato, Novi Ligure, Ovada e Acqui Terme. La Fondazione Uspidalet Onlus è da sempre è vicina alla sanità locale e fornisce risposte concrete ai bisogni dei pazienti dell'Azienda Ospedaliera Alessandrina, raccogliendo fondi per l'acquisto di strumentazioni all'avanguardia.

“Servono 200 caschi insieme ad altra strumentazione come ecografi e defibrillatori specifici per la Terapia Intensiva” ha spiegato il presidente della Fondazione Uspidalet, Bruno Lulani, che insieme a nomi noti del cinema e della televisione, legati alla Provincia Alessandrina e alla Fondazione Uspidalet Onlus – come Marta Gastini, Benedetta Parodi, Beatrice Arnera, Claudio Lauretta – sta lanciando un messaggio importante: “tutti i nostri piccoli sforzi, uniti ai contributi dei cittadini che hanno già risposto numerosi al nostro appello, saranno un grande aiuto per chi, oggi, sta cercando di aiutarci, cioè gli operatori sanitari dei nostri ospedali. Quindi #iofacciolamiaparte”.

Alla campagna della Fondazione Uspidalet stanno rispondendo anche numerose aziende del territorio della provincia. Il Gruppo Optima, attraverso i propri marchi Mec3, Giuso, Modecor, Pernigotti Maestri Gelatieri e Ambras, ha donato 100 mila euro a supporto degli ospedali di Alessandria, Rimini e Varese per l’acquisto urgente di postazioni e macchinari necessari alla lotta al Covid-19.

Tutte le aziende del Gruppo si trovano infatti dislocate in zone duramente colpite dall’emergenza sanitaria, tra cui la provincia di Alessandria. Lontane ma unite da un obiettivo comune: migliorare le condizioni di salute dei malati e offrire sostegno ai medici che operano negli ospedali dei territori in cui vivono i propri dipendenti. “In un momento di emergenza come questo riteniamo fondamentale sostenere il nostro sistema sanitario e tutti quei medici, infermieri e operatori sanitari di ogni livello, che ogni giorno eroicamente mettono a rischio la propria salute a vantaggio di quella di tutti noi. Come gruppo siamo soliti definirci una ‘grande famiglia’ e in questa occasione, più che mai, possiamo dimostrare di esserlo” ha dichiarato il Ceo del Gruppo Optima, Francesco Fattori, che ha stanziato 30 mila euro a favore dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria.

La riconoscenza della Fondazione e di tutti coloro che fanno affidamento sulla Onlus va poi anche alla Riccoboni Holding che, da poco socio platinum dell’Uspidalet attraverso la Grassano spa, ha subito aderito all’iniziativa devolvendo 30 mila euro.

“Sono gesti come quello del Gruppo Optima e della Riccoboni Holding, che si sono impegnate a sostenere attraverso la nostra raccolta fondi la realtà ospedaliera del territorio in cui producono e lavorano ogni giorno, a dare uno slancio significativo alla campagna, facendoci sperare davvero in maniera positiva che #andràtuttobene – ha detto il presidente della Fondazione Uspidalet Onlus, Bruno Lulani - Tuttavia mi piace ricordare che a renderla ancora più forte sono i piccoli gesti dei numerosi donatori che ancora una volta o per la prima volta ci hanno dimostrato fiducia. Ecco cosa significa #proviamoafermarlo: ognuno con le proprie possibilità, ma tutti insieme, uniti dall'obiettivo comune di acquistare nel più breve tempo possibile tutta la strumentazione necessaria per i reparti di Terapia Intensiva in forte sofferenza”.

Continuiamo a donare per raggiungere l'obiettivo attraverso il sito www.fondazioneuspidalet.it oppure con bonifico. Causale “Pro azienda ospedaliera Emergenza Covid 19” a Banca Intesa San Paolo, codice IBAN IT45 F030 6909 6061 0000 0111 150.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

serravalle scrivia

Sorpreso a girare in auto: non aveva nemmeno la patente

29 Marzo 2020 ore 16:00
.