Giovedì 16 Luglio 2020

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

Alessandria

"Revenge porn", arrestato 21enne

Il ragazzo pubblica foto e video hard della ex, madre di suo figlio

Revenge porn, arrestato 21enne

Il capo della squadra mobile, Marco Poggi (foto Gas)

ALESSANDRIA - Ha avuto una relazione con una coetanea dalla quale ha avuto un figlio. Ossessionato dalla gelosia ha messo in atto stalking e reso pubblici video e foto hard della ragazza. Ibrahim Abdennebi, 21 anni, nato e residente ad Alessandria, è stato arrestato dalla squadra mobile della Questura di Alessandria. Si tratta del primo provvedimento restrittivo a seguito di una vendetta porno (il cosiddetto revenge porn) da quando è stata introdotta la legislazione nota come "codice rosso". 

E' stato il capo della Mobile, Marco Poggi, a illustrare l'operazione scattata domenica scorsa, 24 maggio. La storia ha inizio con la relazione tra il 21enne e una coetanea alessandrina. Un amore da cui nasce un figlio, che oggi ha un anno. I due si frequentano senza mai vivere insieme. La relazione diventa un'ossessione per il giovane, che inizia ad avere comportamenti possessivi, con un gelosia che sfocia in azioni al limite, come controlli costanti del cellulare della ragazza costretta a comunicare le password sia del telefono che dei suoi profili. Un'ossessione che porta il ragazzo ad accusare (senza motivo) la sua lei di continui tradimenti. A gennaio, la giovane decide di troncare la relazione. Dopo un periodo di tranquillità, coinciso con il lockdown, il 21enne torna alla carica, è il 19 maggio. 

"L'episodio clou è riferito al 23 maggio - spiega Marco Poggi - quando lui raggiunge l'abitazione della ragazza. Le vuole parlare. Lei lo raggiunge con il bimbo, a quel punto il ragazzo la costringe, sotto minaccia di un paio di forbici, a seguirlo in un luogo più appartato. Poco dopo le strappa il cellulare e la strattona. Lei riesce a divincolarsi e chiede aiuto. Un passante chiama la Polizia, sul posto arriva la Volante. Lo bloccano poco distante, il ragazzo ha ancora le forbici ma il telefono non si trova. Quella stessa sera, e durante la notte, il 21enne mantiene fede alla promessa di metterla in cattiva luce, e inizia a pubblicare foto e video della ragazza. Immagini hard. Lei viene avvertita da amici e cerca di bloccarlo, lui cambia scheda nel telefono e continua imperterrito". Domenica, la ragazza si reca in Questura e racconta quello che sta accadendo. Gli uomini della squadra mobile, dopo accurate indagini, rintracciano il 21enne a casa di un amico (ignaro di tutto), al Cristo, e lo arrestano. Il provvedimento è stato convalidato, Abdennebi è ai domiciliari. La 'mobile' ha lavorato insieme al sostituto procuratore Fabrizio Alessandria. 

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

La foto

Dorme, con la gamba ingessata,
sulla panchina

08 Luglio 2020 ore 16:22
Novi Ligure

Coronavirus:
un decesso
per polmonite rilancia i timori

14 Luglio 2020 ore 16:11
.