Venerdì 27 Novembre 2020

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

Novi Ligure

Il ricovero dei cani abbandonati ha riaperto a volontari e visitatori: Jack e Sara si sono fidanzati durante il lockdown

Il ricovero dei cani abbandonati ha riaperto a volontari e visitatori: Jack e Sara si sono fidanzati durante il lockdown

Lucia Barbagallo

Ha riaperto i cancelli, dopo 70 giorni, il canile municipale di Novi Ligure: la prima settimana di apertura è stata all’insegna della prudenza, con ingressi limitati a due sole ore giornaliere, dalle 9 alle 11, e richiesta ai visitatori intenzionati a socializzare con i cani per un’eventuale adozione a  seguire le indicazioni previste sul distanziamento sociale e sull’uso dei dispositivi di protezione individuale.

Per accedere all’interno della struttura occorre indossare la mascherina, mantenere la distanza di un metro e disinfettare i guinzagli dopo l’utilizzo; possono accedere all’interno del cortile due persone alla volta e devono essere evitati assembramenti davanti al cancello. Questo vale per i volontari, che rappresentano un’importante risorsa per Arca - Associazione ricovero cani abbandonati che gestisce la struttura, così come per gli ospiti.

Intanto, sono ripartiti i tesseramenti dei volontari, obbligatori per l’accompagnamento degli animali nelle passeggiate: “Abbiamo ritrovato tanti amici - commenta la presidentessa di Arca, Lucia Barbagallo - e devo dire che nei primi giorni di apertura si sono comportati in modo splendido. Questo ci incentiva ad allungare l’orario di apertura del canile”. Tanto che, dall’altro ieri, è dalle 8 alle 12.

Durante il lungo lockdown si sono sviluppate storie interessanti, come quella del fidanzamento tra Jack e Sara, due cani ospiti: una liaison interrotta dall’adozione di Sara, adesso ospite di una famiglia di Serravalle. Jack la cerca insistentemente per l’intera giornata: “Si sente tradito - racconta la Barbagallo - e non riesce a farsene una ragione”.

Questo ha indotto la presidentessa di Arca e gli altri responsabili  ad accentuare il pressing sulla famiglia adottiva di Sara affinché prenda con sé anche... il suo 'compagno'.

L’altra narrazione che ci consegna l’associazione  è invece quella del gatto Pippo: viveva nella casa di due coniugi contagiati dal Covid 19 e, quando sono stati ricoverati in ospedale, la Barbagallo si è fatta accompagnare da carabinieri e vigili del fuoco nell’abitazione per recuperarlo. La donna lo ha tenuto a casa  per un mese e mezzo e, quando i due coniugi sono purtroppo scomparsi, ha cercato e trovato una nuova famiglia per il felino.

Storie vere che arrivano dal canile, dove si smentisce (purtroppo) un incremento di adozioni con la scusa per uscire nel periodo del lockdown: “Non lo avremmo permesso - ammette la Barbagallo - Siamo pignoli nel concedere le adozioni ma, devo dire, non ci sono stati speculatori che ci hanno provato”.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

>

Le notizie più lette

La curiosità

I The Show? Stanno girando i loro video da Casale

23 Novembre 2020 ore 17:23
Il lutto

Il Covid si porta via
Pier Paolo Caniggia

22 Novembre 2020 ore 13:48
.