Lunedì 03 Agosto 2020

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

Il caso

De Lellis: Pettazzi vuole chiarezza. Doppia querela in arrivo per truffa

Different Jewelry - De Lellis: Pettazzi vuole chiarezza. Querela in arrivo per truffa

VALENZA - Ha scelto di intervenire anche l'Onorevole leghista Lino Pettazzi sulla vicenda che vede coinvolta la influencer, showgirl e attrice Giulia de Lellis e l'oreficeria valenzana. La vicenda parte da un video diffuso sui social dalla De Lellis nella quale si invita all'acquisto di braccialetti realizzati dalla Different Class Jewelry il cui ricavato, dice il volto noto della televisione italiana, verrà devoluto a sostegno degli orafi di Valenza.

«In un momento così delicato e di forte criticità per tutto il settore orafo valenzano non vorrei ci fosse qualcuno che, sfruttando la congiuntura, speculasse». Commenta così l’onorevole Lino Pettazzi, deputato della Lega, l’iniziativa.

«Nei giorni scorsi - spiega Pettazzi - sul suo profilo Instagram, l’attrice Giulia De Lellis ha promosso la vendita di una linea di braccialetti della “Different Class Jewelry”, azienda con sede a Milano, il cui ricavato, secondo le parole della stessa De Lellis, “sarà devoluto per sostenere la ripartenza degli artigiani dei gioielli”. Tutto questo, al momento, fa sorgere alcune perplessità: i prodotti pubblicizzati, non sembrano essere di gioielleria ma, piuttosto, di bigiotteria; ma, soprattutto, ad oggi, non risulta che alcun orafo di Valenza sia stato destinatario di tali somme benefiche. La viva speranza è quella che lo possano essere in seguito, anche se nemmeno mi risulta che siano state coinvolte le associazioni di categoria alle quali molte aziende sono iscritte, soprattutto le più piccole e più bisognose in questa delicata fase».

«Se da un lato si riscontra un encomiabile gesto di solidarietà per chi ha subito danni immensi dettati dalla forte crisi in atto per tutto il settore, dall'altro lato auspico che venga fatta chiarezza quanto prima - conclude Pettazzi - Se ci saranno gli estremi per un’azione penale, sarà la Procura della Repubblica a stabilirlo, ma quello che è accaduto è da chiarire e, se fossimo di fronte a speculazione, sarebbe eticamente grave. Cito ancora l’attrice che nel suo video afferma: “Tutti gli orafi di Valenza sono fortemente in crisi, stanno accusando davvero tanto la problematica, non stanno in una situazione semplice”. Questo è sacrosantamente vero. E proprio perché è vero, è auspicabile che si faccia luce e che vengano offerte risposte in merito a un’operazione che potenzialmente potrebbe sembrare a vantaggio in una sola direzione».

Intanto, a giorni è prevista una denuncia querela del consorzio del marchio orafo DiValenza nei confronti della De Lellis e della Different Class Jewelry. L'ipotesi che verrà portata all'attenzione della magistratura è per il reato di truffa.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

.