Giovedì 26 Novembre 2020

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

Contestazione

Seduti a terra e in silenzio: la protesta dei ristoratori

Gli operatori del settore riuniti davanti alla Prefettura di Alessandria

Seduti a terra e in silenzio: la protesta dei ristoratori

ALESSANDRIA - Ristoratori alessandrini seduti per terra, in silenzio, contro la chiusura anticipata alle 18.

GUARDA LA FOTOGALLERY

È iniziata la protesta in piazza della Libertà, presenti anche il sindaco Cuttica di Revigliasco, il vice Buzzi Langhi, gli assessori Roggero, Barosini, Lumiera e Ciccaglioni, il presidente del consiglio comunale Locci, il sindaco di Casale Riboldi e il presidente della Provincia Baldi. Parole dure da parte del presidente di Ascom, Ferrari. 

Allo scoccare delle 12, poi, è stato suonato l'Inno di Mameli. Ristoratori tutti in piedi, molti con la mano sul cuore, davanti a simbolici tavoli apparecchiati sul selciato.

Rigido l'intervento di Vittorio Ferrari, presidente di Ascom Alessandria: "Sono molto più sicuri i locali che vengono chiusi, che rispettano i protocolli, di tanti che restano aperti. Non lo trovate paradossale? Ci saranno conseguenze pesantissime. Se non si può lavorare non si può far lavorare..."

 

Foto e video di Cecilia Ammazzalorso

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

>

Le notizie più lette

La curiosità

I The Show? Stanno girando i loro video da Casale

23 Novembre 2020 ore 17:23
Animalisti

Caccia in zona rossa? "Il solito favore ingiustificato"

14 Novembre 2020 ore 12:28
.