Giovedì 21 Gennaio 2021

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

Scuola

Si torna in classe il 7 gennaio. Test rapidi per chi fa le medie

Il piano scuola della Regione Piemonte prevede test rapidi volontari per gli studenti di 2 e 3 media, didattica a distanza per il 50% degli studenti, alternati, e "corsie preferenziali" per i tamponi ai docenti

Si torna in classe il 7 gennaio. Test rapidi per chi fa le medie

SCUOLA - "Siamo pronti". L'assessore regionale alla scuola, Elena Chiorino, è fiduciosa sulla ripresa scolastica, dopo la messa a punto del cosiddetto "piano scuola" che prevede una serie di interventi per garantireil ritorno sui banchi il 7 gennaio di tutti i 75 mila stuenti piemontesi di ogni ordine, seppur con didattica a distanza nelle scuole superiori per almeno il 50%, che potrà scendere al 25%.  Per elementari e medie non è prevista la Dad. 

Più volte è stato ribadito che si tratta di un piano unico in Italia e probabilmente al Mondo il cui successo è subordinato alla collaborazione tra famiglie, medici di base, personale scolastico e istituzioni locali ("Anche le piattaforme online di prenotazioni dovranno funzionare al meglio"), dal momento che non esiste uno storico o un protocollo precedente: è la prima volta che si sperimentano "screening modulari a cluster", che tradotto significa tamponi a gruppi.

Ai ragazzi di seconda e terza media - proprio per evitare l'interruzione scolastica - verrà chiesto di sottoporsi volontariamente a test rapidi, una volta al mese. "Non verrano fatti a scuola, perché i bambini non si contagiano lì", sottolineano dalla Regione, come per dire che anche le famiglie dovranno vigilare molto di più. Si chiede quindi di aderire al piano di test veloci - in Regione prevedono che il 70% dei ragazzi interessati si faccia controllare periodicamente - da fare negli hot spot covid dislocati nelle varie città e già attivi nei primi giorni del 2021.

Il piano "scuola sicura" ha un investimento complessivo di 7 milioni di euro.

Dal 4 gennaio al 31 marzo, poi, il personale docente e non, dall'asilo alle superiori, è invitato caldamente (nessun obbligo) a sottoporsi al tampone, grazie ad una "corsia preferenziale" e alla collaborazione tra medici e strutture sanitarie. 

Il piano potrà variare a seconda di come risponderà la popolazione studentesca e a come andrà l'andamento dei contagi. Non è escluso che anche i ragazzi delle superiori possano, in futuro, essere chiamati ai test periodici. Verrà potenziato anche il tracciamento dei contatti, nei casi positivi.

 

 

 

 

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

La lettera

Il direttore rimette
il mandato

17 Gennaio 2021 ore 16:49
Il video

Quargnento: il procuratore e la tragedia

15 Gennaio 2021 ore 11:06
.