Domenica 24 Ottobre 2021

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

Il fotografo in mezzo al gregge al momento giusto

Le coccole di mamma pecora all’agnellino appena partorito

Il fotografo in mezzo al gregge al momento giusto

Sono diventate virali sui social le foto di mamma pecora che, dopo aver partorito un agnellino, lo coccola, lo lecca per pulirlo del sangue lasciato sulla sua lana dal parto e poi - altra foto - lo allatta per la prima volta. In questo caso più delle parole, pronunciate o scritte, parlano le fotografie, eloquenti nell’indicare l’amore che gli animali riservano per le loro creature. Un esempio anche per noi umani.

Quelle foto sono state scattate da Luciano Cauda, un pensionato di Genova che, appena liberatosi dagli impegni quotidiani del lavoro è andato a vivere in val Borbera. Abita a Pallavicino, ma gira in lungo e in largo tutta la valle e pure quelle limitrofe (quando si poteva) per dare libero sfogo alla sua grande passione, la fotografia. Ha la pazienza di aspettare per ore che in cielo passi la nuvola giusta, magari all’orizzonte, dietro il campanile di una chiesa. Un giorno a Vigoponzo ha incontrato il suo amico pastore che accudiva il gregge che ha passato l’inverno nelle colline al confine tra la val Borbera e la val Curone ed è rimasto lì, a parlare, in attesa dello scatto giusto quando il pastore, un bergamasco assai conosciuto da quelle parti, gli ha detto “guarda, quella pecora sta partorendo”. Ecco cosa significa essere al posto giusto al momento giusto. Ma gli scatti più interessanti Luciano Cauda li ha effettuato nei minuti immediatamente successivi al parto quando mamma pecora ha pulito con la lingua l’agnellino appena partorito, poi se lo è coccolato, lo ha aiutato con il muso ad alzarsi e a reggersi in piedi sulle sue zampe. Quindi il primo pasto, l’allattamento.

Luciano non s’è perso un attimo di quelle scene e le ha documentate con le fotografie. Ai complimenti, ha risposto: “Ho due grandi passioni che pensavo di soddisfare da pensionato, i viaggi e la fotografia. Poi è arrivato il Covid, non possiamo più viaggiare con il camper, mi resta la fotografia e spero che non chiudano di nuovo i confini comunali, altrimenti devo sfogarmi con le foto a Pallavicino e meno male che la valle è bellissima e offre spunti interessanti”. Come le coccole di mamma pecora all’agnellino appena nato.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Spinetta Marengo

Mortale di Spinetta: la vittima
è una donna novese di 49 anni

22 Ottobre 2021 ore 15:00
L'annuncio

Green Pass e lavoro: Draghi firma il nuovo Dpcm

14 Ottobre 2021 ore 18:45
.