Giovedì 24 Giugno 2021

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

Lavoro

Crisi Cerutti. I primi dettagli: Bobst vorrebbe assumere circa 30 lavoratori

Cerutti Bobst

Lo stabilimento di San Giorgio di Bobst

SAN GIORGIO - Da pochi minuti è terminato l'incontro tra la curatela del fallimento Cerutti, le organizzazioni sindacali e la Bobst. La parti sociali hanno finalmente potuto conoscere di più della manifestazione d'interesse della multinazionale svizzera proprietaria dell'ex Rotomec di San Giorgio che, per sommi capi, aveva spiegato di essere interessata solo a parte dei lavoratori e di non avere intenzione di sviluppo negli stabilimenti, visto che trasferirebbe gli operai assorbiti a San Giorgio (qui i dettagli noti fino a oggi).

Ci sono però alcuni correttivi rispetto a tali dichiarazioni: la cifra di fondo sociale che Bobst stanzierebbe (nel caso in cui vincesse la gara per Cerutti, per la quale la curatela ha confermato, l'unica altra manifestazione d'interesse è di una cordata di imprenditori: Rinascita) per aiutare nella formazione e nel ricollocamento dei lavoratori esclusi sarebbe gestita direttamente dalla curatela e non dal Comune di Casale (attraverso la fondazione Aleramo), come era stato accennato due settimane fa, un'ipotesi che ai sindacati e ai lavoratori non è mai piaciuta.

Soprattutto oggi si è saputo di più del perimetro occupazionale, quanti sarebbero - al netto delle trattative sindacali - i conferiti da Cerutti a Bobst: «Hanno parlato di una trentina di persone - spiega Maurizio Cantello di Fiom Cgil all'uscita dell'incontro - che andrebbero a lavorare a San Giorgio».

In totale però i lavoratori Cerutti 'rimasti nel fallimento' sono quasi 200, tolti 30 restano quantomeno 160. I sindacati hanno chiesto lumi anche sulla cooperativa, che alcuni operai stanno cercando di costituire: «Bobst non ha mostrato preclusioni, i lavoratori della cooperativa (40, 50 se fosse costituita?) potrebbero essere impiegati come esterni, andando anche loro a lavorare a San Giorgio ma assumendosi i rischi d'impresa - va avanti Cantello - C'è molto da lavorare a livello sindacale, è chiaro che 30 persone sono poche».

E l'altra cordata? Mercoledì pomeriggio è previsto un incontro analogo con la seconda e ultima manifestazione d'interesse.

E la proroga della cassa Covid? «La curatela ha confermato che l'ha chiesta al tribunale, sono le giudici che ora devono esprimersi».

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Il gesto disperato

Si dà fuoco a Moleto: interviene l'elisoccorso

16 Giugno 2021 ore 10:02
Video

Rissa lungo Tanaro:
il filmato dello scontro

21 Giugno 2021 ore 12:14
.