Martedì 18 Gennaio 2022

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

I suggerimenti

Botti di Capodanno: come tutelare i nostri amici animali

Cani, gatti, uccellini ma non solo: qualche consiglio per non rischiare di farli stare male

botti-capodanno-esplosione-cane-gatto-fuochi-artificio

I botti di Capodanno si avvicinano e come sempre ci ritroviamo a riflettere su come tutelare i nostri amici animali. Infatti, il tradizionale fragore di petardi e fuochi d’artificio che caratterizza i festeggiamenti dell’ultimo dell’anno si rivela un vero e proprio incubo, sia per gli animali domestici che per quelli selvatici

Le improvvise esplosioni, che sovente fanno sobbalzare dalla sedia anche noi, oltre ad incutere paura espongono i nostri amici a quattro zampe a rischi ben più seri. Non di rado si verificano investimenti, incidenti e smarrimenti provocati dalla perdita del senso di orientamento. Difatti negli spazi aperti, la reazione istintiva dell’animale terrorizzato è quella di fuggire, andando spesso incontro a tragiche conseguenze. 

cane-fuochi-artificio-capodanno-botti-ultimo-dellanno

Oltretutto, per i soggetti cardiopatici o più anziani, l’esito potrebbe essere fatale. I veterinari riportano una sintomatologia che include tachicardia, iperventilazione, tremori muscolari e ipersalivazione, nonché dei veri e propri attacchi di panico scatenati da forti rumori e bagliori. 

I consigli su come tutelare i nostri amici animali dai botti di Capodanno 

Dunque, come tutelare i nostri amici animali dai botti di Capodanno? Ci sono dei piccoli accorgimenti che possiamo adottare al fine di mitigare per quanto possibile il loro malessere. Ecco un breve decalogo di utili consigli:

  • non lasciarli all’aperto, in balcone o in giardino, per scongiurare il pericolo di fuga;
  • tenerli alla massima distanza possibile dai luoghi in cui vengono esplosi i botti;
  • non abbandonarli in casa da soli e rimuovere tutti gli oggetti potenzialmente pericolosi;
  • attenuare il rumore dei petardi tenendo accesa la TV o la radio;
  • serrare finestre e tapparelle;
  • non legarli, poiché potrebbero ferirsi o farsi male;
  • non avere atteggiamenti iperprotettivi nei loro confronti e mostrarsi tranquilli;
  • se si rifugiano nascondendosi in un angolo della casa, non disturbarli;
  • per cani e gatti anziani, cardiopatici e inclini allo stress rivolgersi preventivamente al proprio veterinario di fiducia 
    dotarli di elementi identificativi.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Il video

Alessandria, rissa in via Pontida

16 Gennaio 2022 ore 15:02
Il lutto

Vittima del Covid a 61 anni

08 Gennaio 2022 ore 10:20
.