Martedì 04 Ottobre 2022

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

rocchetta ligure

"Come una casa": il bullismo diventa un film, studenti in scena

Mediometraggio ideato da Emanuele Coniglio, docente a Rocchetta Ligure

09 Aprile 2022 ore 06:30

di Elio Defrani

come-una-casa-cortometraggio-bullismo-rocchetta-ligure-emanuele-coniglio

Un fotogramma del mediometraggio

ROCCHETTA LIGURE — Prima proiezione oggi a Rocchetta Ligure per "Come una casa", il mediometraggio sul bullismo realizzato dagli studenti della scuola media del paese. Il film è inserito nel progetto Cinema che ha preso il via l’anno scorso nell’ambito delle lezioni di educazione civica. La pellicola, della durata di 51 minuti, sarà proiettata nella prestigiosa sede di Palazzo Spinola, alle 17.30 (il primo appuntamento è a invito).

L’idea di insegnare ai ragazzi a recitare è venuta al professor Emanuele Coniglio, un docente di matematica che ha alle spalle studi cinematografici, il quale ha trovato subito la collaborazione della collega di lettere, la professoressa Angela Camani.

Corti al cinema, "Colli novesi" e le opere di Lince e Beatrice

Al multisala Moderno di Novi Ligure appuntamento con i lavori di Riccardo Bruno, Piero Bogliolo, Daniele Lince ed Elena Beatrice

«Nata dall’idea di realizzare un cortometraggio sul bullismo insieme agli studenti – spiega Coniglio – la pellicola si è poi evoluta, con nostra sorpresa e soddisfazione, in un film breve della durata di 51 minuti dove vengono espressi, tra le altre cose, sentimenti di amicizia, unione e perdono. Riteniamo sia stata un’esperienza importante per tutti i ragazzi che vi hanno preso parte, per l’impegno che hanno messo in campo, la creatività che hanno avuto modo di esprimere e, non da ultimo, la coesione e la collaborazione che hanno saputo dimostrare. Tutte queste componenti, unite alle abilità tecniche specifiche degli insegnanti che li hanno accompagnati in questo percorso, hanno dato vita a un prodotto finale che ha superato di gran lunga le aspettative iniziali».

Il sottotitolo dell'opera ben riassume il significato che ragazzi e insegnanti intendono dare al loro lavoro: «II massimo che posso fare per un amico è semplicemente essergli amico», una citazione del filosofo americano Henry David Thoreau. Nel cast Henry Leonardi, Edoardo Ferrari, Ludovica Medicina, Mattia Costa, Tiziano Gizzi, Aurora Demergasso, Cecilia Repetto, Giada Daglio, Sveva Mazzini, Anna Rocchi, Andrea Merello e Sara Rocchetti. Le musiche sono di Carlo Gizzi, tecnico del suono Renzo Rovedi.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

.