Domenica 03 Luglio 2022

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

Agricoltura

Pomodoro da industria: accordo per 108,5 euro a tonnellata

In provincia sono oltre 2.300 gli ettari coltivati, per una produzione di circa 1,7 milioni di quintali 

pomodoro-sugo-industria-alessandria-coldiretti-prezzo-agricoltura

Si è conclusa la trattativa fra organizzazioni dei produttori (Op) e industriali dell’area Nord per il prezzo del pomodoro indicativo relativo alla campagna 2022, con un prezzo di riferimento di 108,5 euro a tonnellata (+18% rispetto al prezzo indicativo del 2021), prezzo che dovrà essere perfezionato nei singoli contratti, magari migliorandolo per promuovere la sostenibilità sociale, economica e ambientale della filiera del pomodoro italiano.

“Un accordo che è stato raggiunto con un grave ritardo, che non consente alla parte agricola una corretta programmazione delle scelte colturali, ma deve essere apprezzato lo sforzo della parte industriale di dare un riferimento certo alle imprese agricole, costrette ad affrontare rincari vertiginosi per tutte le operazioni colturali e con la preoccupazione di una difficile gestione delle risorse idriche per il perdurare del clima siccitoso. Solo a consuntivo si potrà valutare se tale prezzo sarà sufficiente a coprire i costi di produzione e a remunerare le imprese agricole”, ha affermato il presidente di Coldiretti Alessandria, Mauro Bianco.

"L'ortofrutta è a un bivio": confronto in Regione

Associazione agricole ascoltate in Commissione a Palazzo Lascaris

"E’ però necessario - prosegue - che anche gli altri attori della filiera riconoscano gli sforzi che la parte agricola e l'industria di trasformazione stanno facendo in un periodo economico e sociale che non ha precedenti, con un aumento senza eguali dei costi di produzione, per cercare di dare continuità ad una delle produzioni di maggior successo del Made in Italy agrolimentare".

Sul territorio alessandrino sono oltre 2.300 gli ettari coltivati a pomodoro da industria, per una produzione totale di circa 1,7 milioni di quintali.

Con il rincaro dei costi energetici che si trasferisce sui costi di produzione nella filiera agroalimentare come quello per gli imballaggi, si arriva al paradosso di pagare più la bottiglia del pomodoro in essa contenuto.

Coldiretti: "Click day
per salvare i raccolti"

Il presidente Bianco: "Con la piena ripresa delle attività è facile prevedere l’accentuarsi della mancanza di lavoratori"

Ad esempio, in una bottiglia di passata da 700 ml in vendita mediamente a 1,3 euro, oltre la metà del valore (53%), secondo la Coldiretti, è il margine della distribuzione commerciale con le promozioni, il 18% sono i costi di produzione industriali, il 10% è il costo della bottiglia, l’8% è il valore riconosciuto al pomodoro, il 6% ai trasporti, il 3% al tappo e all’etichetta e il 2% per la pubblicità.

L’accordo sul prezzo agli agricoltori è quindi strategico perché con il balzo dei costi il rischio è che anche produttori storici scelgano colture che richiedono meno investimenti e minori rischi come mais, sorgo, girasole e soia, le cui quotazioni sono esplose con la guerra in Ucraina e le tensioni commerciali internazionali”, evidenzia il direttore di Coldiretti Alessandria, Roberto Bianco.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Lo spoglio

Giorgio Abonante
nuovo sindaco di Alessandria

27 Giugno 2022 ore 00:14
.