Giovedì 07 Luglio 2022

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

Alessandria

Omicidio portiere di notte: minacce in carcere per Proietto? Trasferito ad Ivrea

Il 46enne arrestato dai carabinieri che lo avevano bloccato all’interno dell’hotel Londra

Omicidio portiere di notte: minacce in carcere per Proietto? Trasferito ad Ivrea

ALESSANDRIA - Minacce in carcere? Giuseppe Aiello Proietto, l’uomo arrestato dai Carabinieri per l’omicidio del portiere di notte Alberto Faravelli (69 anni, in servizio all’hotel Londra) è stato trasferito dal ‘don Soria’ al carcere di Ivrea. A quel che sembra sarebbero state pronunciate parole da altri detenuti che avrebbero consigliato lo spostamento, in sostanza problemi interni legati alla sua incolumità. 
L’omicidio nella notte tra l’8 e il 9 maggio.

Il suo avvocato, Stefania Sandri, sta valutando la richiesta di una perizia psichiatrica. Il fermo del 46enne era stato disposto dal sostituto procuratore Andrea Trucano.

Era stato il procuratore capo della Procura di Alessandria - Enrico Cieri - a ricostruire i fatti, a partire dell’allarme al “112” dato da un passante, al tempestivo intervento delle pattuglie dei Carabinieri che hanno bloccato il presunto responsabile all’interno dell’albergo e, successivamente, rinvenuto gli oggetti verosimilmente utilizzati per colpire la vittima: una statuetta Masai  ed un vaso.

L’uomo, che indossava abiti che presentavano quelle che gli investigatori ritengono essere macchie di sangue, poi repertati dalla Scientifica, ha dapprima ammesso di essere stato lui ad aggredire il portiere, chiudendosi poi nel silenzio davanti al Gip.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Lo spoglio

Giorgio Abonante
nuovo sindaco di Alessandria

27 Giugno 2022 ore 00:14
.