Giovedì 06 Ottobre 2022

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

La polemica

"Agli infermieri? Hanno tolto soldi..."

Trasferiti meno fondi del previsto dalla Regione alle Aziende sanitarie. La protesta

27 Luglio 2022 ore 19:24

"Agli infermieri? Hanno tolto soldi..."

ALESSANDRIA - "E meno male che gli infermieri avrebbero dovuto guadagnare di più". La rimostranza è di Francesco Coppolella del Nursind regionale, il sindacato delle professioni infermieristiche, secondo il quale ogni infermiere deve rinunciare, al momento, a circa 100 euro forfettari. 

Il problema riguarda anche i dipendenti dell'Azienda ospedaliera di Alessandria e dell'AslAl, che riceveranno sì l'incentivo indennità, ma decurtato del 25-30% rispetto al previsto.

La spiegazione

La spiegazione sta in una nota. 

"A differenza del 2020,  il decreto Calabria non è stato finanziato nel 2021 nonostante una dgr lo prevedesse. Sono stati attribuiti invece fondi europei destinati all’assunzione di personale per l’emergenza Covid che sarebbero dovuti essere stati assegnati comunque e non al posto del decreto Calabria. Questo finanziamento va a coprire tra l’altro i costi già sostenuti per le assunzioni coprendo parte del deficit che si è creato poiché non sono arrivati e non arriveranno finanziamenti nazionali".

"La Regione Piemonte - rileva il sindacato -  senza alcune differenziazione tra le aziende, ha indicato nel 15% di questo fondo la possibilità di utilizzo per il salario accessorio. Ne conviene che alcune Asl (tra cui la nostra, ndr) non riescono a coprire quanto dovuto. Che i fondi non fossero capienti si poteva intuire facilmente anche da chi ha firmato un accordo regionale legato a fondi nazionali che era prevedibile non sarebbero arrivati e a un equilibrio di bilancio sempre più precario. E’ strano che lo si scopra adesso. Tutte le aziende riceveranno meno soldi ma forse una distribuzione diverse aiuterebbe, ad esempio in base a cosa si è speso...".

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

.