Mercoledì 21 Agosto 2019

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

Il caso

Legambiente chiede una 'inchiesta pubblica' dopo la ripresa del procedimento

Al centro della discussione la discarica Casal Cermelli-Frugarolo

Legambiente chiede una “inchiesta pubblica” dopo la ripresa del procedimento

CASAL CERMELLI - Prima lo stop di sei mesi al progetto della discarica a Cascina Pitocca, tra i comuni di Casal Cermelli e Frugarolo, chiesta dallo stesso proponente, la società La Filippa 2.0 per poter dare “maggiori informazioni sul progetto ai cittadini”. Ora la proposta è stata nuovamente presentata, con tutta una serie di documenti aggiuntivi a favore dell'opera e della stessa riqualificazione di quel terreno e quindi parte ufficialmente la fase di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) per la realizzazione della nuova discarica denominata “sistemazione complessiva di aree di cava e di discarica e loro predisposizione - attraverso discarica di soli rifiuti non pericolosi a servizio dell’economia circolare - per il riutilizzo a fini turistico ricreativi.

L'avvio del procedimento di Valutazione di Impatto Ambientale presso la Provincia di Alessandria è di pochi giorni fa: 11 luglio. E secondo le vigenti disposizioni di legge e fatte salve eventuali interruzioni e/o sospensioni, dovrà concludersi entro 120 giorni dalla data di Convocazione della Conferenza dei Servizi che avrà il compito di decidere se dare l'ok o meno. Il giorno successivo, il 12 luglio, Legambiente ha presentato una richiesta per avviare una “inchiesta pubblica”, attraverso la quale con la consultazione del pubblico, dare la possibilità a tutti i cittadini di presentare le proprie osservazioni e offrire il proprio contributo su questo progetto.

“Legambiente ha partecipato a diverse serate di informazione promosse dal Comitato Torrente Orba, incontrando cittadini, associazioni e comitati, ed ha così avuto modo di verificare che la discarica proposta suscita una vasta attenzione sociale nella zona, in particolare nei comuni di Frugarolo, Casal Cermelli e Bosco Marengo, che le potenziali ricadute ambientali del progetto possono essere assai significative rispetto alla delicatezza del contesto nel quale esso viene proposto, e che la localizzazione della discarica è frutto di una autonoma scelta del proponente e non di atti pianificatori preesistenti e condivisi. In questo caso ci pare evidente che lo svolgimento della 'inchiesta pubblica' sia non solo fondamentale, ma addirittura indispensabile, ed abbiamo pertanto subito richiesto che venga effettuata”. L'auspicio ora è che “l'autorità competente accolga questa nostra richiesta” è stato il commento di Legambiente Ovadese Valli Orba e Stura.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Valenza

Donna aggredita
da un pit bull

20 Agosto 2019 ore 18:04
Alluvioni Cambiò

La scienza vi reclama: venite
a farvi pungere

20 Agosto 2019 ore 07:41
.