Sabato 18 Gennaio 2020

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

Confindustria

L’economia rallenta, ma l'industria investe

Il presidente Miglietta: "Incertezza sui mercati, ma gli imprenditori reagiscono alle preoccupazioni dell’oggi"

L’economia rallenta, ma l'industria investe

Renzo Gatti e Maurizio Miglietta

ALESSANDRIA - In una economia al rallentatore, ed ai segnali contrastanti che si evidenziano in questo trimestre d’estate sui mercati, gli industriali rispondono con cautela. Tuttavia, pur a fronte di indicazioni non favorevoli, gli imprenditori locali reagiscono e mantengono alta e in crescita la propensione ad investire.

Lo confermano i risultati della 179esima Indagine Congiunturale Trimestrale di Confindustria Alessandria, che rileva le previsioni di attività delle imprese associate per il trimestre luglio-settembre 2019.

Si mantengono ancora positivi, anche se in diminuzione rispetto al trimestre scorso, i principali indici Sop, che registrano lo sbilancio tra ottimisti e pessimisti, in particolare per la previsione dell’occupazione a +4, quella degli ordini totali a +1 e ordini export a +2, mentre sono negativi quelli della produzione a -5 e della redditività a -6.

La previsione di ricorso alla cassa integrazione è sempre bassa ma in rialzo, ed è formulata dal 7% degli imprenditori del campione, mentre sono sempre in netta maggioranza gli intervistati (il 75%) che prevedono invariata l’occupazione.

Tra i dati positivi, invece, si evidenzia l’incremento della propensione ad investire, che segnala investimenti significativi o marginali, che è dichiarata dall’81% degli intervistati, e resta elevato il grado di utilizzo degli impianti al 74% della capacità. L’indice del ritardo negli incassi è in diminuzione ed è segnalato dal 29% degli imprenditori, e l’indicatore di chi ha lavoro per più di un mese risale ed è all’81%.

Il contesto economico non è favorevole - sottolinea il presidente Maurizio Miglietta - ma i nostri imprenditori, che mantengono molto elevata la propensione a investire, dimostrano di continuare a credere nel proprio fare impresa, nonostante i segnali tutt’altro che positivi. Le indicazioni di scenario riguardano in parte il rallentamento fisiologico della produzione nel periodo estivo e ancor più, come rileva il Centro Studi Confindustria, si riferiscono alla debolezza dei consumi interni nazionali e alle prospettive incerte dell’export italiano, che tiene ma che è frenato da un commercio mondiale a rilento. Gli imprenditori reagiscono, ma anche il Paese deve reagire”.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Il racconto

Il film di Zalone
visto da un migrante vero

10 Gennaio 2020 ore 07:56
Buona notizia

Con un "Gratta", a Solero
vinti 500.000 euro

10 Gennaio 2020 ore 10:15
.