Giovedì 19 Settembre 2019

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

La storia

Rivolta contadina col prete in testa contro il Comune e l’inceneritore

Trent’anni fa, la lotta di San Michele. Una vicenda che coinvolse e sconvolse

Rivolta contadina col prete in testa contro il Comune e l’inceneritore

Il presidio permanente, nel 1989, alla Torre Nuova di San Michele

SAN MICHELE - L’anno in cui a Berlino buttarono giù il muro, a San Michele costruirono una capanna. La grande storia ci ricorda che i tedeschi dell’Est poterono finalmente andare a Ovest e che la guerra fredda cominciava a intiepidirsi; la piccola ci riporta a San Michele, in una piana di mucche e trattori, non lontano da dove ora sorge un impianto a biogas.

È qui che, nel 1989, si ragionò per costruire un inceneritore come non se n’erano mai visti, almeno da queste parti.

È faccenda di trent’anni fa, ma impossibile da dimenticare se si è stati coinvolti. Vinse il popolo contro la politica. Fu un trionfo dei contadini e - ci avrebbero detto dopo - di tutta la città, se è vero che anche chi si batté per realizzare «il mostro» si sarebbe pentito della scelta, dando ragione a quelli che stavano dalla parte opposta della barricata, e pure dentro la capanna di cui si diceva, eretta non solo simbolicamente ma come punto di riferimento di un presidio permanente che sarebbe durato fino al 1992.

Un baluardo affinché «gli intrusi» non prendessero possesso dei campi della zona Torre Nuova, lungo la strada che porta a Quargnento.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Alessandria

Muore a 18 anni: dona cuore,
fegato e reni

14 Settembre 2019 ore 20:00
Spinetta

Bellavita: bimbo bloccato da bocchettone della piscina

10 Settembre 2019 ore 08:49
.