Sabato 07 Dicembre 2019

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

Calcio - Grigi

Loria e il palo dicono no, con la Juve è solo pari

Nel finale l'episodio che avrebbe potuto determinare il ritorno ai tre punti. Serio infortunio a Cambiaso

Loria e il palo dicono no, con la Juve è solo pari

Il tocco vincente di Chiarello,per il momentaneo vantaggio (foto Ilaria Cutuli)

La mano di Loria protesa a togliere dall'angolino il gran tiro di Chiarello dal limitee: così, con l'aiuto del palo, la Juventus U23 si salva e l'Alessandria non riesce a tornare alla vittoria in una partita che i Grigi giocano meglio nel primo tempo, aggrediti solo nella prima metà della ripresa dei bianconeri. Avrebbero meritato di più gli uomini di Scazzola, che non riescono ad accorciare la classifica come avrebbero voluto. E c'è anche l'infortunio, serio, a Cambiaso, che toglie uno dei giocatori migliori dell'andata.

LE SQUADRE

Una sola variazione nella formazione iniziale dell'Alessandria, Cleur interno destro al posto di Chiarello che è in panchina. Insieme a Casarini, pronto a entrare a gara in corsa. Una variazione di posizioni in mezzo, Castellano playmaker centrale e Suljic interno sinistro. La Juventus ha Zanimacchia,a sinistra, nel tridente alle spalle di Mota, terminale offensivo.

LA PARTITA

Grande intensità fin dall'inizio, i bianconeri hanno dalla loro un maggior possesso palla, ma l'Alessandria chiude bene i varchi e riparte in contropiede e Arrighini svaria su tutto il fronte d'attacco, senza dare punti di riferimento.

La corsia sinistra è quella in cui i Grigi spingono di più, con Celia, che prende spesso il tempo a Di Pardo, mentre a destra Cambiaso deve limite la sua vocazione offensiva per contenere Zanimacchia e spesso anche Beruatto che si sovrappone. Padroni di casa pericolosi all'11' sulla combinazione Arrighini – Celia e salvataggio in angolo, e anche sul cross di Cleur a cercare ancora Arrighini. Al 17' la conclusione di Mota che si gira in area, ma Cambiaso ci mette la testa, provvidenziale.

Al 20' la tegola è sull'Alessandria e su Cambiaso: in un contrasto all'altezza delle panchine l'esterno destro si accascia a terra tenendosi il ginocchio sinistro. Cambio obbligato, il timore di un infortunio serio, al suo posto Chiarello e l'assetto cambia, perché l'ex Giana va a a fare l'interno sinistro, Cleur è esterno destro e Suljic fa l'interno a destra. La Juventus è pericolosa solo sul calcio piazzato di Clemenza (27'), dal limite, di poco sulla traversa.

Sono sempre i padroni di casa a manovrare, anche se la troppa foga toglie lucidità e Scazzola si sgola dalla panchina per invitare i suoi a ragionare di più. Messaggio raccolto, sia quando il gioco riparte dalla difesa, sia nei recuperi in mezzo c'è più attenzione e meno precipitazione e i Grigi alzano così il raggio di azione. Premiato dal vantaggio42',  punizione dalla trequarti sinistra, Suljic mette in area un pallone insidioso, che coglie impreparata la difesa bianconera e Chiarello è lesto a ribadire in rete.

Nel recupero brivido sulla conclusione di Beltrame,liberato da una incertezza di Sciacca, ma Dossena spazza via.

A inizio ripresa la Juve sceglie un atteggiamento più offensivo, inserendo Olivieri e passando al 4-3-3.Il nuovo entrato si piazza a sinistra, limitando il contributo offensivo di Cleur.

C'è da evitare il rischio per l'Alessandria, di abbassarsi troppo e, allora, sia l'allenatore, sia Valentini urlano alla squadra di stare alta. Da una incursione grigia nasce il tentativo di bis di Chiarello (11'), che passa due metri sula traversa. Al 17', su azione manovrata, il pareggio dei bianconeri: un velenoso diagonale di Zanimacchia da sinistra che Valentini dà l'impressione di tuffarsi con una frazione di secondo di ritardo. I Grigi soffrono nella fase centrale del tempo, quasi sempre chiusi nella loro metacampo da una Juve che mette in campo tutti gli attaccanti per dare ancora più densità offensiva. Al 37' Valentini si fa perdonare con una parata capolavoro sulla punizione di Beruatto, a giro, sul primo palo. Ma è l'Alessandria ad avere l'occasione per vincere, al 44', quando il  missile di Chiarello si stampa sul palo con parata di Loria  e Eusepi non arriva per il colpo di testa.

Alessandria – Juventus U23 1-1

Marcatori:pt 42' Chiarello; st 17' Zanimacchia

Alessandria (3-5-2): Valentini; Dossena, Cosenza, Sciacca; Cambiaso (22'pt Chiarello), Cleur, Castellano (20'st Casarini), Suljic, Celia (39'st Sartore); Eusepi, Arrighini (20'st Pandolfi). A disp: Crisanto, Ponzio, Gilli, Akammadu, Gerace, Gjura, M'Hamsi. All: Scazzola

Juventus U23 (4-2-3-1): Loria; Di Pardo (39'st Rosa), Alcibiade, Coccolo, Beruatto; Peeters, Touré; Clemenza (1'st Olivieri), Beltrame (28'st Rafia), Zanimacchia (28'st Han); Mota Carvalho (33'st Lanini). A disp: Nocchi, Rosa Muratore, Portanova, Mulé,  Frabotta, Raina,  Federiksen. All: Pecchia

Arbitro: Kumara di Verona

Assistenti: Maninetti di Lovere e Feraboli di Brscia

Note: Serata fredda, terreno in discrete condizioni. Spettatori: 1500 circa . Ammoniti: Beruatto, Dossena, Alcibiade,Coccolo,Sciacca per gioco falloso. Angoli: 8-4 per l'Alessandria. Recupero: pt 2', st 3'

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Alessandria

Scomparsi da 5 giorni,
il ritorno a casa

02 Dicembre 2019 ore 23:17
Lo speciale

Il docufilm sulla tragedia
di Quargnento

05 Dicembre 2019 ore 02:00
La fotografia

Parcheggio
maldestro 

03 Dicembre 2019 ore 11:36
.