Lunedì 20 Gennaio 2020

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

La storia

Brutti voti a scuola? Non giochi la partita di campionato

La scelta - che piace a tutti - dell'Alessandria Volley. Il presidente Bernagozzi intervistato anche da Caterpillar

Brutti voti a scuola? Non giochi la partita di campionato

Il regolamento dell'Alessandria Volley anche su Caterpillar

ALESSANDRIA - La scuola, per i giovani atleti dell’Alessandria Volley, deve venire prima di tutto. Perché, al di là dello sport e dell’attività fisica - che restano fondamentali - è il futuro quello a cui devono guardare.

Così, chi ha una pagella insufficiente, o qualche compito in classe o interrogazione andati male, non viene convocato per la partita di campionato: è un regolamento interno che la società di pallavolo adotta ormai da qualche anno, come confermato dal presidente Mauro Bernagozzi anche alla trasmissione Caterpillar di Rai Radio 2 nel pomeriggio di giovedì.

«Per noi - sono le sue parole - la formazione viene prima di tutto. I nostri giovani lo sanno per cui chi non fa i compiti o ottiene voti insufficienti non gioca poi nel fine settimana. È importante che ragazze e ragazzi sappiano organizzarsi, ma devo dire che casi complicati non abbiamo dovuto affrontarne. Anche grazie alla bravura degli allenatori, con cui hanno tutti un bellissimo rapporto».

Sono oltre 700, in tutta la provincia sotto il marchio Evo Volley, i tesserati del club, dei quali quasi la metà (ben 325) come Alessandria Volley: «Le varie squadre, dalle giovanili alla serie C, svolgono allenamento ogni giorno dal lunedì al venerdì - racconta ancora Bernagozzi - I risultati, sia sul campo che dietro ai banchi, sono molto soddisfacenti, quindi la strada intrapresa è quella giusta».

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Buona notizia

Con un "Gratta", a Solero
vinti 500.000 euro

10 Gennaio 2020 ore 10:15
Il racconto

Il film di Zalone
visto da un migrante vero

10 Gennaio 2020 ore 07:56
.