Mercoledì 19 Febbraio 2020

GIORNALE DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA DAL 1925

Alimentazione

Coldiretti: “fronte comune contro nutri-score ed etichetta a semaforo”

“Una semplificazione che mette in pericolo la salute e il Made in Italy di qualità. Ad essere bocciati ci sarebbero anche prodotti come il Gorgonzola”

Tempesta Coldiretti: "Occhio assessore, ti controlliamo"

Roberto Moncalvo

ALIMENTAZIONE - “Le etichette nutrizionali che rischiano di affermarsi nell’Unione Europea sotto la spinta delle multinazionali bocciano ingiustamente quasi l’85% in valore del Made in Italy a denominazione di origine che la stessa Ue dovrebbe invece tutelare e valorizzare”: è quanto afferma Coldiretti nell’esprimere apprezzamento per il via libera unanime dell'Aula della Camera alle mozioni contro il nutriscore.

“Con l’inganno delle etichette a semaforo e nutri-score si rischia di sostenere, con la semplificazione, modelli alimentari sbagliati che mettono in pericolo non solo la salute dei cittadini, ma anche il sistema produttivo di qualità del Made in Italy - spiegano il presidente di Coldiretti Piemonte Roberto Moncalvo e il delegato confederale Bruno Rivarossa -. Si tratta infatti di sistemi fuorvianti, discriminatori e incompleti che finiscono per escludere, paradossalmente, dalla dieta alimenti sani e naturali che da secoli sono presenti sulle tavole per favorire prodotti artificiali di cui, in alcuni casi, non è nota neanche la ricetta. È inaccettabile spacciare per tutela del consumatore un sistema che cerca invece di influenzarlo nei suoi comportamenti orientandolo a preferire prodotti di minore qualità, anche perché l’equilibrio nutrizionale va ricercato tra i diversi cibi consumati nella dieta giornaliera, come prevede la proposta italiana del sistema 'a batteria' che tiene conto dell’insieme della dieta alimentare e non si focalizza sul singolo prodotto”.

“Ad essere bocciati, ad esempio, ci sarebbero anche prodotti del Made in Piemonte, come il Gorgonzola. La nostra regione conta 14 Dop, 9 Igp: una grande biodiversità da valorizzare per evitare una indistinta omologazione, come potrebbe succedere se l’Ue non attiva misure ad hoc per una politica del cibo basata sulla differenziazione e sul rispetto del consumatore” concludono dalla Coldiretti.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Lavoro

Le offerte di lavoro del Centro per l'Impiego

10 Febbraio 2020 ore 08:35
novi ligure

Pullman contro camion,
incidente alla rotonda

14 Febbraio 2020 ore 19:31
Alessandria

Tragedia della strada:
muore allievo agente

15 Febbraio 2020 ore 13:12
.