Mercoledì 15 Agosto 2018

La storia

Noi che andiamo al lavoro sapendo di non guadagnare

Amatrice: parlano i farmacisti aiutati dal "Piccolo"

Beneficenza

La cena solidale organizzata a San Michele

La signora, ogni giorno, prende l’auto e si sobbarca 120 chilometri per raggiungere il container diventato il suo luogo di lavoro. Aveva una farmacia ad Amatrice; è crollata a causa del sisma. La sera rincasa. E sono altri 120 km per arrivare a Porto d’Ascoli, in una dimora di cui avrebbe fatto volentieri a meno. Rientra pensando al guadagno della giornata, che è prossimo allo zero. «Ci sono pomeriggi in cui non passano più di due persone. Potete ben capire...». Chi parla è Maria Rita Corteggiani, una donna dalla vita stravolta, come tutti i suoi conterranei che, ad agosto, hanno conosciuto il terremoto e ancora adesso ne subiscono gli effetti devastanti. Lei è una dei due farmacisti di Amatrice che ‘Il Piccolo’ ha sostenuto grazie al contributo dei lettori che hanno partecipato alla ‘cena solidale’ svoltasi il 21 settembre a San Michele. Sul giornale  di martedì, la testimoniaza da un paese in cui niente è più come prima.

LE ULTIME NOTIZIE
Ferragosto, si può fare

Idee

Ferragosto, si può fare

15 Agosto 2018 alle 08:10

Dal concerto di Paolo Bonfanti, per concludere la serata in musica, alla grigliata di mezzogiorno ...

Il racconto di una alessandrina

Tragedia Genova

Il racconto di una alessandrina

14 Agosto 2018 alle 19:30

Quante volte siamo passati sul ponte Morandi, sull'autostrada A10? Probabilmente centinaia per ...

I VIDEO

nome_sezione

APPUNTAMENTI

WEB EDICOLA

sfoglia

abbonati