Calcio

Isetto il portafortuna: "La squadra ha voluto questa vittoria. E lassù qualcuno ha pensato a noi"

Il 'secondo': "I ragazzzi hanno creato moltissimo. Alla fine erano stremati. Bravi a restituirsi tranquillità"

Alessandria Mauro Isetto

Con il 'secondo' in panchina, Grigi sempre vincenti in campionato

"Pensare che c'è stato un tempo in cui qualcuno sosteneva che non portassi bene". Vorremmo conoscerlo il sostenitore di una simile teoria. Per dire che, invece, Mauro Isetto è un portafortuna e, soprattutto, è una persona preziosa per questa squadra, per questa società, per Piero Braglia. "Non è scaramanzia: anche a pisa, quando mi è capitato di sostituire il mister, i risultati sono stati sempre positivi. E ' una fama che mi fa piacere avere, anche se ci tengo a dire che questa vittoria non è perché c'è  Mauro Isetto in panchina: il merito  è dei ragazzi, he hanno giocato una grande partita, hanno creato moltissimo, hanno dato, fin da subito, una intensità enorme al gioco. Si sono spesi, tutto, al massimo. Sono stati bravi a restituire, prima di  tutto a loro stessi e poi a tutti, la tranquilità". Già, proprio quella tranquilità invocata dal presidente Luca Di Masi all'inizio di una settimana che facile non è stata. "Tranquilli, determinati: le occasioni per segnare sono state molte, qualche errrore si può anche commettere, e poi Reinholds, il loro portiere è stato decisivo in almeno tre opportunità nostre. Quello che conta è l'atteggiamento: anche dopo il pareggio, uno sfortunato  incidente di percorso, non ci siamo fermati un attimo, siamo ripartiti, alla ricerca della rete della vittroia. E l'avversario non ci ha certo reso la vita semplice, ma sarà così fino alla fine e i ragazzi hanno dimostrato di essere pronti". Sette giorni dopo il ko a Siena trovarsi a +6 sulla Cremonese. "Sono sincero, ho sempre avuto fiducia in una prestazione importante del Pontedera, che è realtà che conosco e che stimo. Il Signore, lassù, ha pensato anche un po' a noi, sicuramente il pareggio di Cremona aumenta la nostra tranquillità che, però, ripeto, ci siamo costruiti prima di tutto noi. Perché il traguardo che vogliamo dipende da noi e dal campo: oggi lo abbiamo dimostrato". Con una prova da manuale  di Gianluca Nicco, finalmente titolare. "Gianluca si è dimostrato quello che è, un vero gladiatore. Ci può dare tanto: lui lo sa e lo ha ribadito. Anche noi lo sappiamo". Gonzalez un po' in affanno, con molti passaggi fuori misura. "Pablo ha solo bisogno di ritrovare il gol. E continuerà a dare il contributo fondamentale - insiste Isetto - che ci ha permesso di arrivare fino a qui". E di andare ancora lontano.

LE ULTIME NOTIZIE
Alessandria Sensibile Stellini

Tredici giorni, il rush finale del mercato: confronto quotidiano tra Sensibile e Stellini

Calcio - Grigi

'Chi alza livello può essere uno che ha vinto in C'

17 Agosto 2017 alle 22:37

“È vero, confermo. Avevo detto che, fuori Iocolano e Marras sarebbero entrati due giocatori. E così ...

I VIDEO

nome_sezione

WEB EDICOLA

sfoglia

abbonati