Giovedì 17 Gennaio 2019

Calcio

Braglia: "Mollare adesso sarebbe da stupidi. Andiamo a prendercela, per noi e per la gente"

Il tecnico: "Negli spogliatoi ho visto gente distrutta. Ma dobbiamo crederci, con tutte le nostre forze"

Alessandria Prato

Braglia: "Ho visto giocatori distrutti. Ma non molliamo, diamo a prenderci ciò che è nostro"

“Non è finita”. Il tono di Piero Braglia è molto diverso da quello di Carrara. Perché in quattro giorni è un altro campionato, quello che si sta giocando e che si giocheràù. Perché adesso c'è il rischio, enorme, di vedersi sfuggire dalle mani ciò che sembrava solo dei Grigi. Che è ancora dei Grigi, perché in testa al girone A della Lega Pro c'è sempre l'Alessandria. Ma adesso la Cremonese è lì, vicinissima, come era già stata una volta in questa stagione, ma l'Alessandria l'aveva respinta all'indietro. Altri momenti, altre condizioni, di testa e anche di fisico: i Grigi che non chiudono le gare sono anche i Grigi che dopo un'ora sono in flessione e si abbassano. E non c'è avversario che non ne approfitti per alzarsi. Come fa il Prato, premiato dai regali altrui, da una buona dose e di fortuna, ma anche dalla convinzione. Braglia, però, non ne fa una questione di tecnica, di tattica e di condizione: adesso conta il morale, “ho visto negli spogliatoi facce disperate. Gente distrutta. E la cosa più pericolosa, in questo momento, sarebbe mollare. Siamo ancora davanti, con quattro partite a disposizione. Abbiamo toppato noi, possono farlo anche quelli che ci inseguono. E, soprattutto, andiamo a prenderci quello che è nostro dalla prima giornata: facciamolo con tutte le nostre forza, con tutto quello che abbiamo. Adesso c'è la disperazione, da domani voglio di nuovo la squadra incazzata, che va a conquistarsi ciò che deve essere suo, a tutti i costi”. Però gli errori pesano come macigni. Perché Gonzalez di rigori non ne fallisce praticamente mai e anche questa volta contribuisce pure a coinquistarlo, ma lo calcia non certo alla sua maniera e Melgrati ci arriva. Soprattutto, c'è la punizione al 45' della ripresa: perché non piazzare, comunque, una barriera di quattro giocatori, e non uno solo, per ostacolare chi deve battere, anche a costo di prendersi un cartellino giallo? “Lo decide il portiere: normalmente si schiera la barriera con tre o quattro elementi, ma se lui non li vuole, non li chiede. E' un periodo così anche per 'Igli', in cui tutto gli gira storto: è stato un fenomeno fino ad ora, e ci ha salvato molte volte con i suoi interventi, ma nelle ultime due gare in casa, sono onesto, ha sbagliato. Sia chiaro, nessun processo a Vannucchi e non è certo un tentativo di buttare la croce addosso a lui, perché in questi momenti la croce possiamo anche buttarcela addosso tutti. E, ripeto, mi spiace, perché fino ad ora è stato un grande protagonista”. La sensazione che il pallone, colpito da Tomi, abbia preso una strana traiettoria. “Però resta il fatto, a mio giudizio, che non era un tiro da tentare di parare con i pugni. La palla l'aveva vista, avrebbe potuto gestirla: da 35/40 metri va controllata così, anche se, ripeto, sarebbe riduttivo fermarsi solo a questo errore”. Resta, però, anche la troppa fatica nella ripresa, dopo il rigore trasformato dal Prato. “Due cambi sono stati obbligati – insiste Braglia – perché comunque Sestu non può avere i 90 minuti dopo due mesi di assenza e Nava si è infortunato. Avrei inserito un terzo centrocampista, per provare a tenere palla di più e arrivare in fondo a questa partita. Non ci siamo riusciti. Però – insiste l'allenatore - mollare ora sarebbe da stupidi: non si può, solo per alcuni errori, buttare via un anno così. Andiamocela a prendere questa serie B: proviamoci con tutti noi stessi, lo ribadisco. Facciamolo per per noi, per la società, per la gente che ci segue ovunque. E che lo vuole, come noi”

LE ULTIME NOTIZIE
Akammadu

Dalla league Two, quarta e ultima serie professionistica, torna in Italia l'attaccante Akammadu

Calcio - Grigi

Akammadu è già arrivato. Lo seguirà Infantino?

16 Gennaio 2019 alle 23:57

In attesa della prima punta, per l'attacco dell'Alessandria c'è Franklin Obnunike Akammadu. Che, in ...

La bomba sarà fatta brillare domenica

La zona in cui è stato ritrovato l'ordigno

Valenza

La bomba sarà fatta brillare domenica

16 Gennaio 2019 alle 15:11

E’ durata un’ora e mezza la riunione operativa in Prefettura ad Alessandria per decisione degli ...

Braccianti, presidio davanti al Tribunale

Un'immagine della protesta di questa mattina davanti al Tribunale alessandrino

Alessandria

Braccianti, presidio davanti al Tribunale

16 Gennaio 2019 alle 15:00

Ha preso il via questa mattina, con la convocazione della prima udienza, il processo intentato dai ...

Investiti davanti alla scuola Dante Alighieri

Casale Monferrato

Investiti davanti
alla scuola
 

16 Gennaio 2019 alle 14:28

Gli agenti della Polizia Municipale di Casale stanno verificando le cause dell'incidente avvenuto ...

I VIDEO

nome_sezione

WEB EDICOLA

sfoglia

abbonati