Lunedì 18 Giugno 2018

Calcio - Grigi

Il campionato dei troppi perché senza risposta

Il primato più lungo, i due capocannonieri con 40 reti in due. Ma in B c'è la Cremonese

Alessandria Pontedera

La rabbia a fine gara: tra una parte della tifoseria e la squadra è rottura netta

Adesso bisognerà parlare di playoff. Adesso la 'tregua', in cui la parola peggiore per Alessandria era stata messa al bando dal nuovo ds Pasquale Sensibile, è finita. Come è finito il sogno degli irriducibili ottimisti, o illusi, e si è esaurita la timida speranza dei possibilisti. Alla prima categoria si era iscritto anche Bepi Pillon, al quale è inutile chiedere come si spiega che a festeggiare sia una squadra che è stata anche 14 punti distante dell'Alessandria. Una idea il nuovo allenatore se l'è fatta, ma non è lui a dover rispondere al quesito che, ora, devasta la testa e il cuore del popolo grigio. Uno dei molti quesiti, perché questa squadra è diventata, nel girone di ritorno, la collezionista di record negativi che devono avere una motivazione almeno plausibile, se non potrà essere anche accettabile. L'Alessandria ha i due capocannonieri del campionato, Gonzalez e Bocalon, ciascuno con 20 reti, il secondo senza rigori. Ma in B va la Cremonese. La Cremonese è stata anche a 14 punti dai Grigi, e sembrava che le vere antagoniste potessero essere Livorno ed Arezzo. Ma in B va la squadra di Tesser. L'Alessandria è stata capolista per 36 giornate su 38 e ha fatto più punti dei grigiorossi con tutte le altre ad eccezione, purtroppo, che contro la Cremonese. Che va in B e i Grigi giocano i playoff, 28 squadre per un solo posto. Cosa è accaduto? Braglia non riusciva più a gestire la squadra, perché c'era rottura con i giocatori? Chi era al campo, soprattutto il ds, avrebbe dovuto accorgersene e, se ne è accorto, parlare. In tutti e due i soci sollecitare un interevento: gravi entrambe le mancanze. E, nel silenzio del ds, avrebbero dovuto farsi sentire i giocatori, almeno i più esperti, che in questa rosa abbondano, anche se esperienza non è sempre sinonimo di personalità: un campionato si vince anche con decisioni drastiche, prese, però, al momento giusto. Non è accaduto, e la Cremonese va in B. La squadra è andata in affanno fisico? Anche gli uomini di Tesser giocano male e fanno una fatica enorme, ma i risultati riescono a gestirli  e a recuperarli. E, adesso, sono in B. Prima di preparare i playoff, e giocarli, sarebbe auspicabile rispondere a questi perché. Potrebbe servire a tutti, soprattutto a chi va in campo. I silenzi interminabili, come quelli del dopo Foggia, servono a nulla. Fanno solo male

LE ULTIME NOTIZIE
Mercato del Forte, domenica di affari

Il mercato di Forte dei Marmi a Valenza

Valenza

Mercato del Forte, domenica di affari

17 Giugno 2018 alle 22:55

Forse anche le polemiche sono servite a decretare il successo del mercato di Forte dei Marmi, ...

Alessandria Servili

Inizia la decima stagione all'Alessandria per Andrea Servili. Con un triennale per la bandiera

Calcio Grigi

Servili sempre più grigio: un triennale per i 10 anni

16 Giugno 2018 alle 19:03

Nel calcio frenetico in cui, in una stagione, un giocatore può cambiare due società in un anno e ...

I VIDEO

nome_sezione

APPUNTAMENTI

WEB EDICOLA

sfoglia

abbonati