Mercoledì 24 Ottobre 2018

Calcio

Fisch-gol, pasticcio-Celjak: Grigi, è pari a Caserta

Fisch-gol, pasticcio-Celjak: Grigi, è pari a Caserta

Non basta il gol di Fischnaller all'Alessandria

Casertana - Alessandria 1-1
Casertana (4-3-3): Ginestra; De Marco, D'Alterio, Rainone, Ramos; Giorno (46'st Finizio), Rajcic, Magnino (10'st Carriero); Orlando, Corado, Ciotola (25'st Taurino). A disp.: Pezzella, Lorenzini, Fontanelli, Diallo, Petricciuolo, De Filippo, Simone, Colli, Cisotti. All.: Esposito
Alessandria (4-4-2): Vannucchi; Celjak, Gozzi, Piccolo, Barlocco; Fischnaller (22'st Sestu), Cazzola, Branca, Iocolano (47'st Manfrin); Gonzalez, Bocalon. A disp.: La Gorga, Mezavilla, Piana, Rosso, Sosa, M'Hamsi, Nava, Sala, Evacuo. All.: Pillon
Arbitro: Balice di Termoli
Assistenti: Scatragli di Arezzo e Pizzi di Termoli, quarto ufficiale Camplone di Pescara
Reti: pt 14' Fischnaller; st 31' Taurino
Note: giornata parzialmente nuvolosa. Campo in discrete condizioni, spettatori: 4000 circa. Ammoniti: Ciotola per comportamento non regolamentare, D'Alterio, Gonzalez, Giorno per gioco falloso, Bocalon e Rajici per reciproche scorrettezze. Angoli: 3-10. Recupero: pt 0', st 4'


La solita Alessandria. Che fa e disfa e si complica la vita: da una vittoria  quasi in cassaforte a un pareggio che tiene viva la Casertana, che ha il merito di crederci e farsi trovare pronta a sfruttare l'ennesimo regalo di una squadra, quella grigia, che non ha la capacità di gestire. Si sapeva, per 75 minuti si è pensato che, finalmente, questo difetto fosse stato corretto. E, invece, no e la sensazione è sempre di una incompletezza che, pur in una prestazione migliore per un'ora, lascia i soliti dubbi sulla capacità del gruppo grigio di arrivare al traguardo. Serve rabbia, non generosità.

LE SQUADRE
Pillon conferma il 4-4-2, ma in versione più offensiva, con Iocolano e Fischnaller esterni e Branca interno sinistro. In difesa torna la coppia di centrali Gozzi - Piccolo, in attacco è Bocalon a partire titolare con Gonzalez. In panchina c'è Sestu. Esposito dà fiducia agli uomini che hanno vinto a Siracusa, tenendo in panchina Carriero, al rientro dopo la squalifica. Un 4-3-3 sporco, perché Rajcic gioca più basso davanti alla difesa.Tutti recuperati gli acciaccati di metà settimana, anche i rossoblù sono più offensivi, con Di Marco nella linea difensiva, anche se solitamente è utilizzato a centrocampo.

LA PARTITA
A volte serve un episodio per cambiare la partita e scrollare le paure dei Grigi. Che iniziano frenati, ma nel momento di maggior pressione della Casertana, con Vannucchi che alza sulla traversa il tiro cross di Giorno (8') e una uscita un po' avventata (10'), Ciotola che imperversa a sinistra e un tifo caldissimo, al 14' inventa Gonzalez, che controlla largo a destra e mette sui piedi di Fischnaller: controllo perfetto, due giocatori saltati con eleganza e forza e sinistro che infila Ginestra.

E consegna all'Alessandria una dose di tranquillità, anche di determinazione e di sicurezza. Anche se non attenua l'ardir dei rossoblù, che al 23' sono pericolosi, ancora con Ciotola che suggerisce per il colpo di testa di Carero sul primo palo. I Grigi, più liberi da pesi, hanno in Gonzalez il giocatore che prova ad azionare sempre le ripartenze, mentre Iocolano, soprattutto, si sacrifica in fase difensiva, anche perché i padroni di casa accelerano spesso sulle fasce e serve un raddoppio per arginare Orlando e Ciotola. L'occasione per raddoppiare al 39', Bocalon fa sponda per Gonzalez, che controlla e obbliga Ginestra a volare per salvare in angolo. L'Alessandria chiude in attacco la prima frazione (solo 10 secondi di recupero), con quella cattiveria agonistica che troppo spesso è mancata negli ultimi mesi. E la difesa, molto bloccata, con i due esterni che stanno più bassi e in copertura, finisce per dare più sicurezza al resto della squadra, mentre Carero, la punta più pericolosa dei padroni di casa, è ben neutralizzato.

Ma al 12' della ripresa, dopo un avvio molto spezzettato, proprio l'argentino gira di poco sulla traversa un assist da destra, facendo venire i brividi ai 33 tifosi alessandrini sugli spalti. Sale la pressione della Casertana, i Grigi provano a sfruttare il contropiede, ma non come vorrebbe Pillon, che si sgola in panchina. E a metà inserisce Sestu, 38 giorni dopo l'infortunio a Vierbo, recupero più breve rispetto i tempi indicati, su cui il tecnico conta molto. L'ex Chievo va a destra, al posto di Fischnaller, toccato duro in un contrasto a metacampo.

Difesa che cerca di mettere gli attaccanti campani in fuorigioco e partita che sembra sotto controllo. Fino al harakiri di Celjak: 31', assurdo retropassaggio a Vannucchi su cui si inserisce Taurino, entrato da poco, e firma il pareggio. Reazione dei Grigi, al 36' Ginestra si oppone a Gonzalez ed è solo angolo. Animi caldi, l'arbitro distribuisce qualche cartellino. Assalto finale senza idee chiare. Finisce 1-1, e le perplessità restano.

LE ULTIME NOTIZIE
Marcia di protesta contro la discarica

Folto pubblico all'assemblea a Sezzadio

Sezzadio

Marcia di protesta 
contro la discarica

23 Ottobre 2018 alle 19:08

La marcia di protesta in difesa della falda acquifera contro il progetto di discarica Riccoboni ...

Colpo di fucile contro la finestra

San Giuliano Vecchio

Colpo di fucile
contro la finestra

23 Ottobre 2018 alle 18:29

Ha esploso un colpo di fucile, il proiettile è finito contro la finestra della camera da letto. E' ...

Arte e cibo, il turismo va

Buona notizia

Arte e cibo,
il turismo va

23 Ottobre 2018 alle 15:12

L’Unesco ha aperto le porte ma, per fortuna, molti hanno deciso... di entrare. Sono i promotori di ...

Fabbriche aperte, sono 16 in provincia

La Solvay di Spinetta Marengo

La proposta

Fabbriche aperte, sono 16 in provincia

23 Ottobre 2018 alle 14:22

Le aziende della manifattura piemontese tornano a mettersi in mostra   venerdì 26 e sabato 27 ...

I VIDEO

nome_sezione

APPUNTAMENTI

WEB EDICOLA

sfoglia

abbonati